martedì, 22 Giugno, 2021

Conte

Politica

Stavolta carte in tavola: Fico le vedrà e Mattarella deciderà

Giuseppe Mazzei
Tocca a Roberto Fico fare un controllo preventivo sulla tenuta dei 5 Stelle al Senato, sulla disponibilità di Renzi a sottoscrivere un impegno di legislatura e a non fare sgambetti da qui a qualche mese e sulla convergenza sul nome di Conte. Insomma i 5 Stelle devono digerire Renzi e Renzi deve digerire per due anni Conte. Altrimenti si vota....
Politica

Politica, domattina Conte al Quirinale per dimettersi

Redazione
E’ convocato per domani mattina alle ore 9 il Consiglio dei Ministri nel corso del quale il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, comunicherà ai ministri la volontà di recarsi al Quirinale per rassegnare le sue dimissioni. A seguire, il premier si recherà dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Lo rende noto Palazzo Chigi....
Politica

Tre scenari per Conte

Giuseppe Mazzei
Di fronte ai gravosi impegni, a partire dal PNRR e dalla lotta alla pandemia, il governo non può andare avanti alla cieca e scommettere che, di volta in volta, tutti i suoi sostenitori vadano a votare compatti per superare la soglia dei 161 voti necessari al Senato. Basta un imprevisto e il governo va in minoranza e rischia di cadere. Una...
Politica

Guardando al futuro

Giampiero Catone
Per il Governo Conte, che ha incassato ieri sera la fiducia della Camera, oggi il passaggio più difficile: quello del Senato dove i numeri sono a rischio, ma non tanto – a quanto pare – di far mancar una maggioranza, sia pure esigua. Ad agevolare questo obbiettivo, anche la decisione del gruppo del senatori di Italia Viva, annunciata in aula...
Politica

Conte. Fiducia da conquistare giorno dopo giorno. Ma gli impegni sono enormi

Giuseppe Mazzei
Si governa con chi ci sta, purché non sia sovranista e ostile all’Europa, questo è il solo limite che Conte pone per chi vuol assicurare la prosecuzione del suo governo. E’ un obiettivo minimalista? Probabilmente, ma in questa fase Conte non ha alternative. Dopo la fuoriuscita di Italia Viva dal governo e la decisione di Renzi di non confermare la...
Politica

Governo Conte: tre è meglio di due

Giuseppe Mazzei
Il 10 dicembre La Discussione scriveva: “Se cade Conte 2, arriva Conte 3”. Il 14 gennaio, a caldo dopo la conferenza stampa di Renzi da tutti considerata una dichiarazione di guerra, il nostro giornale titolava: “La quiete dopo la tempesta: verso un Conte ter di fine legislatura?”. Forse non ci eravamo sbagliati. L’analisi politica non deve fare né previsioni meteorologiche...
Politica

Renzi tra mani libere e opposizione

Giuseppe Mazzei
Sono ore concitate per la politica italiana in attesa della decisione che Renzi comunicherà nel pomeriggio. Ridotto all’osso il problema è questo. Ieri le due ministre Bellanova e Bonetti si sono astenute sul maxi piano del Governo la cui approvazione era stata richiesta con fermezza dal capo dello Stato. Se avessero votato contro, l’apertura della crisi sarebbe stata immediata. Ma...
Politica

Cosa serve all’Italia? Questo Governo, migliorato e più forte. Altro non si può adesso

Giuseppe Mazzei
Gli italiani assistono attoniti e preoccupati al duello rusticano che vede contrapposti Matteo Renzi, che ha scatenato l’offensiva, e Giuseppe Conte, che la subisce e risponde arroccandosi. Non era quello che aveva chiesto il Presidente della Repubblica nel discorso del 31 dicembre quando aveva detto: “Questo è il tempo dei costruttori”. Cosa si costruisce in un clima infuocato, con minacce...
Economia

C’è la svolta: priorità al Recovery Fund

Giampiero Catone
È la giornata del passo in avanti verso il superamento dello stallo nei rapporti fra i partiti della maggioranza e lo stesso Presidente del Consiglio. Ha certamente contato per questo positivo sviluppo l’attività di persuasione esercitata dal Capo dello Stato che ha trovato consonanze nell’appello del Papa per un’unità della politica rispetto alle sfide poste dalla pandemia. Il risultato si...
Politica

Il populismo auto-assolutorio che demonizza il governo

Giuseppe Mazzei
Tutti amano giocare di rimessa: aspettano l’azione del governo per criticarla ma non si prendono la responsabilità di fare la prima mossa e di costringere chi ha il potere di decidere a misurarsi con proposte precise che non nascono nelle polverose stanze ministeriali ma emergono dal tessuto pulsante della società e del mondo produttivo.  Facile autoassolversi dicendo che è tutta...