mercoledì, 28 Luglio, 2021

Repubblica

Giovani

L’ottimismo di Mattarella: “L’Italia non è ferma. I giovani scrivano il futuro”

Anna La Rosa
“Ai ragazzi che oggi sono qui e a quelli che avranno modo di ascoltare queste parole vorrei dire: la storia di questi settantacinque anni e’ stato il risultato, il mosaico di tante storie piccole e grandi, di protagonisti conosciuti e di testimonianze meno note. Tocca ora a voi scrivere la storia della Repubblica. ” Mattarella propone una visione positiva e...
Società

Attuare e aggiornare la Costituzione: i 75 anni della Repubblica. Le ragioni del nostro stare insieme

Giampiero Catone
La Repubblica ha 75 anni. Li celebriamo senza la consueta parata militare, per via delle restrizioni dovute alla pandemia, ma con la speranza, convalidata dalle progressive riaperture delle attività consuete, che il peggio sia passato. Tuttavia, alla consapevolezza, di come e quanto gli anni della Repubblica abbiano significato per lo sviluppo dell’economia e della società, occorre affiancare una riflessione su...
Società

2 giugno: Mattarella, la Repubblica è stata un formidabile strumento di civiltà

Redazione
“Ed è un cantiere impegnato a progettare il futuro. Protagonisti ne sono e devono esserne, come è fondamentale in un sistema democratico, i cittadini”. Il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, affida a Famiglia Cristiana, che la pubblica nel numero da domani in edicola, un’approfondita riflessione sul referendum istituzionale svoltosi 75 anni fa, sul cammino fin qui percorso e sulle nuove...
Politica

Il Copasir, perché (non) vale il precedente D’Alema. Parla il prof. Lupo

Luca Di Cesare
Il comma 3 dell’articolo 30 della legge n. 124/2007 prescrive che il presidente del Copasir, l’organo parlamentare di vigilanza dei servizi segreti, sia eletto tra i componenti dell’opposizione. Il precedente di Massimo D’Alema, rimasto presidente del comitato anche nel passaggio dal governo Berlusconi al governo Monti nel 2011 nonostante il suo partito fosse entrato in maggioranza, può essere richiamato secondo...
Attualità

L’ora più buia

Tommaso Paparo
Il tempo scorre inesorabilmente mentre divampa per le vie la disoccupazione e la paura di essere tra quelli che capitoleranno: se non per il Covid-19, per la grave crisi economica.  È tutto fermo, scorre solo il tempo.  Quando il tempo scorre serve essere risoluti, come un padre responsabile con il figlio: lo esige il senso di responsabile pragmatismo che è...
Politica

71 senatori, 345 parlamentari, 13 indesiderabili. I numeri della politica, dell’antipolitica e del populismo

Domenico Turano
La saggezza dei 71 Senatori della Repubblica quanto sarà apprezzata dagli elettori per i 345 parlamentari, senza identità, potenziali perdenti posto? Perché questi super-saggi, simile a missionari, hanno preso tanto a cuore la questione della riduzione del numero dei parlamentari, con una difesa d’ufficio al cardiopalma, mettendo scompiglio in tutte le forze politiche? Quali verità si celano dietro questa strategica,...
Attualità

Tutti i cittadini hanno il dovere di fedeltà alla Repubblica. In che modo? 

Domenico Turano
Non è affatto facile adempiere a questo precetto costituzionale perché si presuppone la conoscenza della Costituzione medesima. Essa, nonostante i suoi 72 anni, entrata in vigore il 1° gennaio del 1948, non è da tutti conosciuta. Eppure nella XVIII ed ultima disposizione transitoria e finale della Costituzione è detto che “Il testo della Costituzione è depositato nella sala comunale di ciascun Comune...
Politica

Siamo ancora una Repubblica parlamentare?

Giuseppe Mazzei
Chi comanda in Italia? Il Governo o il Parlamento? In base alla Costituzione scritta, Senato e Camera hanno un ruolo centrale e primario: approvano le leggi, indirizzano e controllano l’attività del Governo, svolgono attività di inchiesta su materie di pubblico interesse, concedono e revocano la fiducia al Governo. Il Parlamento in seduta comune, integrato dai delegati regionali, elegge il Presidente...
Politica

Una Repubblica indivisibile

Giampiero Catone
Conclusa a Bruxelles la maratona sulle nomine ai vertici delle istituzioni comunitarie e accantonata la procedura di infrazione per deficit nei confronti dell’ Italia si aprirà probabilmente complice l’afa estiva, una tregua nella maggioranza su questioni finora molto controverse, a cominciare dall’attribuzione di un autonomia rafforzata alle regioni che ne hanno fatto richiesta ed alla minacciata revoca per le concessioni...