domenica, 3 Marzo, 2024

nascite

Attualità

Giappone: calo demografico vertiginoso. Nessuna politica inverte la tendenza

Francesco Gentile
I giapponesi sono la popolazione più “invecchiata” del mondo, subito prima dell’Italia, e i tassi di natalità sono diminuiti ancora nell’ultimo anno di oltre il 5%. Nel 2023 le nascite sono state 758 mila, a fronte di oltre 1,5 milione di morti e anche i matrimoni sono al minimo: 489 mila, meno il 6% rispetto al 2022, cifra più bassa...
Attualità

In Italia si nasce sempre meno, meno figli anche dai genitori stranieri

Francesco Gentile
La notizia era nell’aria e in pratica mancava solo l’ufficialità, arrivata con una nota dell’Istat: l’Italia ha fatto registrare ancora un nuovo record negativa per la natalità: nel 2022 le nascite tra la popolazione residente sono state 393.333 nel 2022, 6.916 in meno rispetto al 2021 (-1,7%). Dal 2008, anno in cui il numero dei nati ha registrato il più...
Esteri

Diminuiscono del 10% le nascite in Cina, toccando il livello più basso mai registrato

Cristina Gambini
Lo scorso anno il numero di nascite in Cina è crollato del 10%, raggiungendo il livello più basso mai registrato. Un calo che arriva nonostante una serie di sforzi del governo per sostenere i genitori in mezzo a un crescente allarme per un paese diventato demograficamente squilibrato. Secondo un rapporto pubblicato dalla National Health Commission, nel 2022 la Cina ha...
Società

Natalità 2012-2022: aumenta età madri al primo figlio, si riduce il parto cesareo

Francesco Gentile
In Italia nascono sempre meno bambini e bambine, nascono sempre di più con parti cesarei, nascono più al Nord che al Sud e le meno prolifiche di tutte sono Sardegna e Molise. Nel 2022 i nuovi nati sono stati 142 mila in meno rispetto al 2012. nel 2022 il numero medio di figli per donna è pari a 1,24 rispetto...
Società

Il Mezzogiorno ha fortemente rallentato le nascite

Francesco Gentile
L’inverno demografico non è freddo, ma è senza gioventù. Lo segnala anche la Cgia di Mestre che, tra l’altro, suggerisce di rimpiazzare, entro il 2027, quasi 3 milioni di addetti attivi per sostituire chi sta andando in pensione. Negli ultimi dieci anni è sceso di quasi un milione il numero dei giovani tra i 15 e i 34 anni. Ecco...
Società

Le coppie italiane fanno più figli con nonni pensionati giovani 

Cristina Gambini
Bankitalia, età pensione è alta L’Italia è un paese che sta invecchiando a vista d’occhio. E’ un bene perché significa che si è alzata la speranza di vita, ma è anche un segno preoccupante perché significa che si fanno sempre meno figli.  Ora, una ricerca pubblicata dalla Banca d’Italia, sostiene che più si continua ad alzare l’età della pensione, meno...
Società

Poche nascite, boom di ultracentenari e giovani in difficoltà

Stefano Ghionni
Il BelPaese gode di uno stato di salute accettabile considerando il fatto che è reduce dalla pandemia. Non mancano comunque le problematiche. Partiamo dai segnali positivi che sono attesi nel prossimo biennio dal lato del mercato del lavoro: l’occupazione mostrerà una crescita in linea con quella del Pil, con un aumento in termini di Ula (unità di misura che rappresenta...
Società

Calo demografico: Bankitalia-Istat. Nel 2050 in Italia 5Mln di abitanti in meno

Valerio Servillo
Secondo quanto è emerso dai dati elaborati da Istat e Bankitalia con il calo demografico in atto la popolazione italiana nel 2050 passerà da 59,2 milioni di abitanti censiti nel 2021 a 54,2 milioni, e nel 2070 a 47,7 milioni.  È necessario spingere per la partecipazione al mercato del lavoro di donne e giovani, in particolare nel Mezzogiorno, investire nella...
Politica

Culle vuote? Serve un nuovo piano casa

Giampiero Catone
La natalità in Italia segna il minimo storico, con appena  393 mila nascite. Nel contempo i prezzi delle case continuano la loro scalata anno dopo anno. Basta l’esempio di Milano, quarta città più cara in Europa. Per affittare un appartamento, parliamo di un bilocale, si arriva a 1.853 euro al mese, mentre i monolocali sfiorano i 1.280, per le stanze...
Manica Larga

Culle vuote: per colpa di chi?

Luca Sabia
La pubblicità in prime time rende bene l’idea. Certo, si obietterà, le nuove generazioni sono ormai altrove, tipo sui social. Si potrebbe riflettere allora sul perché in Italia il sindacato forte sia quello dei pensionati. Tuttavia, se ancora non dovesse bastare, se due indizi non fanno una prova, ci aiutano i dati. Secondo un recente rapporto ISTAT il saldo demografico...