lunedì, 25 Ottobre, 2021

revenge porn

Giovani

Revenge porn: finalmente anche i minori potranno denunciare

Alessandro Alongi
Si rafforzano le tutele per chi è vittima di revenge porn, l’odiosa pratica di diffondere in rete immagini sessuali senza il consenso degli interessati, spesso a scopo di ricatto o estorsione. Il Consiglio dei ministri del 7 ottobre scorso ha infatti introdotto, all’interno del Codice privacy di cui al D.Lgs. n. 196/2003, l’art. 144-bis, che prevede la possibilità – anche...
Società

Revenge Porn, dal Garante della Privacy un canale d’emergenza per denunciare

Redazione
Contro il revenge porn, una delle forme più odiose di violenza sulle donne e più, in generale, contro la pornografia non consensuale, il Garante per la protezione dei dati personali ha deciso di mettere a disposizione sul proprio sito un canale di emergenza. Le persone che temono che le loro foto o i loro video intimi possano essere diffusi senza...
Società

Misure più dure contro il “revenge porn”

Carmine Alboretti
Applicare ai casi di “revenge porn”, previsto e punito dall’art.612-ter del codice penale, il blocco immediato di tali contenuti, con oscuramento e rimozione delle immagini diffuse, così come ad esempio previsto per il cosiddetto reato di cyber bullismo, ai sensi dell’articolo 2 della legge n. 71 del 2017. La proposta è contenuta in una interrogazione ai ministri del lavoro e...
Attualità

Polizia postale: aumentano truffe online, diffamazione e revenge porn

Redazione
Nell’ambito dei reati contro la persona perpetrati sul web, dal mese di gennaio ad oggi, sono state indagate 288 persone, per aver commesso estorsioni a sfondo sessuale, stalking, molestie e minacce sui social network. È quanto si legge nel bilancio della Polizia postale sull’attività compiuta nel 2019. Risultano in costante aumento le diffamazioni online, soprattutto ai danni di persone che...
Editoriale

Femminicidi, il “codice rosso” non basta

Angelica Bianco
L’ultima vittima in ordine di tempo si chiamava Elisa Pomarelli, uccisa, secondo quanto è emerso finora, perché il suo presunto omicida sarebbe stato “ossessionato” da lei. Al netto della presunzione di innocenza e delle indagini che stanno conducendo i carabinieri coordinati dalla Procura di Piacenza, il nome della consulente finanziaria – strappata agli affetti più cari per un impulso morboso...