mercoledì, 29 Maggio, 2024
Società

Violenza sulle donne, più minacce online. Denunce su del 24%

Nel 2022 347 donne hanno denunciato minacce online, ma nei primi dieci mesi del 2023 le denunce sono già salite a 371, registrando un preoccupante aumento del 24%, secondo il rapporto ‘Free and s@fe online – La lotta alla violenza di genere in rete’ della Polizia Postale sulla violenza di genere online presentato ieri. I socialnetwork e gli smartphone hanno guadagnato un posto di primo piano nel veicolare le comunicazioni tra persone, da quelle più personali a quelle familiari, fino a quelle amorose e intime. Non è solo un segno, non sempre positivo, dei tempi che corrono, è un dato di fatto imprescindibile nella vita di ognuno di noi e questo è tanto più evidente e vero per i giovani e i giovanissimi, che affidano ai social, ai messaggi ‘effimeri’, persino i primi approcci e le prime sperimentazioni sessuali. La Polizia di Stato, attraverso la Polizia Postale e delle Comunicazioni, ha costruito un’esperienza di contrasto ai fenomeni di aggressione in rete secondo un approccio multidisciplinare, nel quale ai momenti classici dell’indagine fossero affiancate analisi criminologiche e tecniche informatiche innovative.

Social network

Le minacce sono spesso un primo passo per avviare una vera e propria persecuzione online.

Quest’anno gli strumenti online più utilizzati per minacciare le donne sono i social network (50%), e le app di messaggistica (31%), attuali medium irrinunciabili delle comunicazioni con gli altri. Avvicinarsi a strumenti per comunicare con la paura di subire attacchi verbali costituisce già un forte elemento di limitazione della libertà personale.

L’anno scorso sono state 412 le donne vittime di molestie online e nei primi dieci mesi di quest’anno, la Polizia Postale e delle Comunicazioni ha già registrato 377 casi, con un incremento del +10% rispetto allo scorso anno. La molestia online presuppone una certa ripetitività delle azioni lesive che colpiscono la vittima limitandone il senso di sicurezza. Le molestie online contro le donne avvengono in prevalenza attraverso servizi di messaggistica (38%) e attraverso i socialnetwork (33%). Come per quanto osservato per le minacce, è il luogo virtuale della comunicazione e della socializzazione l’obiettivo dei persecutori che cercano di estendere il controllo sulla vittima proprio “inquinando” anche i suoi spazi virtuali di espressione.

Persecuzioni digitali

La maggioranza delle persecuzioni in rete che colpiscono le donne sono messe in atto da persone che, non solo si conoscono nella vita reale, ma magari hanno condiviso percorsi di vita comune: exconiugi, compagni di vita, colleghi di lavoro che, soprattutto attraverso i socialnetwork, prolungano la forza lesiva della loro aggressione, usando la rete per insultare, diffamare o diffondere contenuti privati. Nel 2022 sono state 101 le donne vittime di stalking online e, nei primi dieci mesi di quest’anno, sono stati già registrati 87 casi, eguagliando il numero complessivo di denunce raccolte nell’analogo periodo dello scorso anno.

Vendetta subdola

Quello che talvolta nasce come un gioco sessuale consensuale tra adulti, può diventare lo strumento di una vendetta subdola e violenta che travolge la vita della vittima, distruggendone l’immagine pubblica, riaffermando con violenza la potenza dell’altro. È il caso del revenge porn, un fenomeno che aggredisce soprattutto le donne e per il quale risulta sempre complesso chiedere aiuto perché ci si sente responsabili di un errore di valutazione sulle intenzioni dell’altro, sulla genuinità dei suoi sentimenti. Sono stati 191 i casi arrivati all’attenzione della Polizia 7 Postale nel 2022. Quest’anno, al 31 ottobre 2023, i casi denunciati da donne per diffusione illecita di immagini o video a contenuto sessualmente esplicito, sono 163, con un andamento in linea con quello registrato nell’analogo periodo del 2022.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Nel biennio ‘20-‘22 trend in crescita degli incidenti sul lavoro

Marco Santarelli

Esiste il diritto di diffondere fake news?

Alessandro Alongi

Più occupati, balzo per le donne. Inattivi in calo. Ma ancora ultimi in Ue

Maurizio Piccinino

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.