domenica, 22 Maggio, 2022

Cremlino

Attualità

Chi vuole esportare la dittatura

Giuseppe Mazzei
L’Occidente ha commesso un grave errore quando si illuse di poter esportare la democrazia in Paesi con storie e tradizioni lontane da questo modello. Ma sbaglierebbe ancora di più se restasse inerme di fronte alle azioni che la Russia compie con l’obiettivo di inquinare le nostre democrazie e di esportare il suo regime totalitario. L’invasione dell’Ucraina è stato solo l’ultimo...
Attualità

Domani la parata-call del G7 con Zelensky

Giuseppe Mazzei
Il gesto di Biden ha un forte valore simbolico. E’ l’immagine dell’Occidente che si stringe intorno all’Ucraina in nome della libertà, della democrazia e del rifiuto della sopraffazione, prima che sulla Piazza Rossa vada in scena la celebrazione dell’aggressione contro un Paese sovrano. Una festa luttuosa, quella putiniana. E anche priva dei trofei di guerra che il capo del Cremlino...
In punta di penna

“Kremlill”, uomo di pace. Eterna

Redazione
Il Patriarca di Mosca è un uomo di pace. Nel 2011 in Siria, disse:”Si può risolvere ogni problema pacificamente”. Putin lo prese in parola e ordinò di radere al suolo Aleppo. Ha benedetto l’invasione dell’Ucraina sostenendo: “È necessaria per combattere l’omosessualità”. Le sue omelie sono peggio dei comizi televisivi di Lavrov e delle minacce apocalittiche di Medvedev. Da ex agente...
Esteri

Minaccia continua e fuga da Mosca

Redazione
Non passa giorno che il capo del Cremlino non scaraventi -insieme ai suoi missili sull’Ucraina- una valanga di minacce sempre più apocalittiche sul mondo intero. Un’esibizione muscolare come se la politica internazionale fosse un ring da wrestling. In genere, chi si sente forte e in posizione di vantaggio non minaccia ma agisce. Putin invece si comporta come se volesse incutere...
Esteri

Se il sogno di Putin diventa un incubo per i russi

Bill Rapp*
L’Ucraina è di fondamentale importanza nella visione che Putin ha sul futuro della Russia e che abbiamo esaminato nel precedente articolo. Questo spiega perché il leader del Cremlino non ha alcun desiderio di impegnarsi in negoziati significativi e non lascia intravvedere una Russia più pacifica e benigna nei confronti dei vicini dell’Europa centrale e orientale, se dovesse avere successo o...
Crea Valore

Economia di guerra: la tempesta c’è ma la nave è ben guidata

Ubaldo Livolsi
Inflazione in rapida ascesa, calo della crescita  ma la recessione non è dietro l’angolo ,tensione  senza scombussolamenti negli scambi internazionali e, finalmente, una politica energetica italiana. Sono i temi su cui il Prof. Ubaldo Livolsi, banchiere ed advisor, esperto internazionale di mercati finanziari espone le sue acute considerazioni in questa intervista. Prof. Livolsi, il caro energia, sta mettendo sotto stress...
Attualità

Spie. In cerca del Mitrokin dell’era Putin

Calder Walton*
È vero che a svolgere attività di intelligence durante la Guerra Fredda nel Palazzo di vetro erano non solo i sovietici ma anche gli occidentali. Ma considerando  la portata della presenza sovietica all’ONU si ottiene un senso della differenza quantitativa tra come le due parti della guerra fredda hanno utilizzato (e apparentemente abusato) l’ONU. Il Cremlino aveva una falange di ufficiali...
Attualità

Il Cremlino minaccia l’Italia. Bulli e matrioske

Giuseppe Mazzei
Dopo le minacce di guerra nucleare ora dal Cremlino arrivano miserabili ricatti e odiose intimidazioni: obiettivo l’Italia. Eppure Putin nella conferenza stampa di fine d’anno aveva detto “l’Italia potrebbe giocare un ruolo nella normalizzazione delle relazioni Russia-Ue e addirittura per gli attesi colloqui fra Russia e Nato”. Poi alla vigilia dell’invasione aveva invitato Draghi a Mosca, una visita superata dagli eventi....
Attualità

Le due Russie

Giuseppe Mazzei
Perdere i giovani e la parte migliore del suo popolo è il prezzo più alto che Putin pagherà per l’aggressione all’Ucraina. Quando nel 1991 l’Unione sovietica è crollata -da sola e non certo per un intervento della Nato- la società russa si è divisa in due parti: quella che voleva guardare avanti, alla democrazia, alla libertà e al benessere del...
Attualità

Piccola tregua. Ue: protezione ai rifugiati. Putin arringa le truppe. Lukoil: stop alla guerra

Giuseppe Mazzei
Il tempo non gioca a favore di Putin né sul fronte esterno né su quello interno. La conquista delle città a colpi di distruzione procede a rilento, dà tempo alla resistenza ucraina per organizzarsi e fa crescere i morti tra i soldati russi. Per questo Putin ha parlato alle sue truppe e alle loro famiglie. Per rincuorarle, promettendo indennizzi per...