giovedì, 30 Maggio, 2024

scrivere

Le Storie

Descrivere una realtà sociale: il giornalismo con Paperboy

Francesca Citro
Mi chiamo Francesca, sono una ragazza diversamente abile motoria, ho conseguito due lauree, una relativa alla possibilità di entrare nel mondo della scuola, l’altra avendo la possibilità di essere educatrice professionale. Nonostante le mie due lauree come molti giovani oggi non ho mai avuto la possibilità di entrare in una realtà lavorativa ma subito dopo la laurea mi sono affacciata...
Il silenzio delle parole

Un articolo da tremila battute

Maurizio Merlo
Scrivevo a perdifiato, amavo i dettagli del narrare, gli stati d’animo, tutto, finché non incontrai un Direttore di giornale che pur apprezzando i miei scritti mi impose di scrivere non oltre le tremila/3300 battute. Fu per me un trauma e fui sul punto di abbandonare, subivo una censura all’immensità del mio scrivere. Ma accettai e iniziai a scrivere brutte cose,...
Società

Prima l’italiano… e poi gli italiani?

Vittorio Supino
È proprio del 3 dicembre 2019 il report dell’OCSE sulla conoscenza della lingua Italiana da parte degli Studenti. L’Italia è uno dei paesi in cui GLI STUDENTI NON SANNO LEGGERE… e quindi non comprendono la propria lingua …ANCHE SE È LA LORO MADRE. Tutti i quotidiani in edicola in questi giorni, sia pure con diversi angoli di visuale, ma con...
Cultura

La letteratura aiuta i detenuti a sentirsi vivi

Ettore Di Bartolomeo
Ormai manca davvero poco per la cerimonia di premiazione della dodicesima edizione del Premio “Carlo Castelli” per la solidarietà, concorso letterario destinato ai detenuti delle carceri italiane promosso dalla Società di San Vincenzo De Paoli. L’appuntamento è per venerdì 11 ottobre presso la Casa Circondariale di Matera. L’iniziativa gode del patrocinio di Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Ministero della...