lunedì, 15 Aprile, 2024

Sandro Libianchi

3 Articoli - 0 Commenti
Presidente della associazione “Coordinamento Nazionale degli Operatori per la Salute nelle Carceri Italiane”, ‘Giudice Onorario Esperto’ presso il Tribunale Ordinario (Sorveglianza) di Roma. In trattamento di quiescenza dall’ottobre 2020. Già Responsabile medico di Unità Operative di Medicina Penitenziaria presso il carcere di Rebibbia – ASL Roma 2. Già Membro titolare presso la Consulta Nazionale degli Operatori Pubblici e Privati per la lotta alla Droga, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per diverse legislature, membro effettivo presso la Conferenza Unificata per i tavoli della sanità penitenziaria. Consulente presso il Ministero della Giustizia e della Sanità
Società

Si muore quando si esce dal carcere

Sandro Libianchi
Tutti sanno che le prigioni sono un posto infame, dove il degrado personale, la violenza, la sofferenza sono dietro l’angolo. E non c’è verso di uscire da questo labirinto, dove quasi sempre ci si perde. Talvolta, ma molto raramente, può anche servire a qualcosa di buono. Ricordo un giovane ugandese che durante la mia visita continuava a fissarmi negli occhi,...
Società

Comunità urbane e carceri, quali sinergie?

Sandro Libianchi
I Comuni e le Città Metropolitane possono e debbono avere un ruolo determinante sia per la tutela dei diritti delle persone detenute che per la difesa delle comunità urbane. La legge 56/2014 ha indicato chiare finalità istituzionali generali come la cura dello sviluppo strategico del territorio metropolitano, la cura delle relazioni con le città e le aree metropolitane europee, soprattutto...
Società

Perché la cura dei detenuti rende le città più sicure

Sandro Libianchi
Nel 2011 le Nazioni Unite esprimevano un concetto basilare riguardo al rapporto tra le persone in carcere e il resto della società a cui appartengono: “I detenuti sono la comunità. Vengono dalla comunità e ci tornano. La protezione dei prigionieri è la protezione delle nostre comunità”. Concetti tanto semplici da sembrare ovvi, ma pochissimo assimilati dal comune sentire, anzi spesso...