giovedì, 8 Dicembre, 2022
Politica

Tra Calenda-Renzi e Conte Letta non può stare sereno

Il Pd in cerca di un 4% contro il centrodestra. Meloni: al governo priorità saranno le bollette. Mosca interviene ancora nella campagna elettorale e cerca di spaventare gli italiani

Per conquistare Calenda ha perso per strada i 5 Stelle. Per rimediare e coprirsi a sinistra si è alleato con Fratoianni-Bonelli ma ha subìto la rottura di Calenda che si è rassegnato ad allearsi perfino con Renzi. Così Letta si è cacciato in un vicolo cieco sotto il tiro incrociato dalla sinistra populista e dal centro moderato. In questo ondivagare si è fatto sfilare da Calenda anche il primato nella difesa di Draghi. È ricorso così ad additare a tinte fosche il “nemico”: Giorgia Meloni.
Letta è convinto che con un 4% in più il Pd potrebbe togliere al centrodestra gran parte dei 60 collegi uninominali ritenuti contendibili e riaprire la partita Ma conquistare il 4% in 17 giorni è impresa ardua: richiederebbe una strategia più chiara e convincente.

Il “campo largo” di Letta qualche mese fa somigliava alla “gioiosa macchina da guerra” di Achille Occhetto che nel 1994 era sicura di sconfiggere Berlusconi. Il segretario tornato dall’auto-esilio politico alla Sorbona aveva pazientemente risollevato il partito dal tonfo al 18% e per qualche mese nei sondaggi il Pd era al primo posto. Poi il gioco è sfuggito di mano e Letta ha visto assottigliarsi il campo.

Invece di mettere insieme un semplice accordo elettorale del centro-sinistra, Letta ha puntato ad un’intesa politica e programmatica che era impossibile per i veti incrociati.

Per conquistare Calenda ha perso per strada i 5 Stelle. Per rimediare e coprirsi a sinistra si è alleato con Fratoianni-Bonelli e ma ha subito la rottura di Calenda che si è rassegnato ad allearsi perfino con Renzi. Così Letta si è cacciato in un vicolo cieco sotto il tiro incrociato da sinistra e dal centro. In questo ondivagare si è fatto sfilare da Calenda anche il primato nella difesa di Draghi e ha cominciato a perdere colpi.

Non gli è rimasto che puntare ad additare a tinte fosche il “nemico”: Giorgia Meloni leader di un centrodestra che, nonostante le divisioni e i capricci di Salvini, oscilla sempre tra il 46 e il 49%, voti che trasformati in seggi potrebbero rivelarsi ancor più numerosi per la coalizione.

Letta se la prende con le legge elettorale che rischierebbe di dare al centrodestra i due terzi dei seggi. Ma il Rosatellum fu votato dal Pd e non certo da Fratelli d’Italia.

Il segretario del Pd agita scenari da incubo prefigurando rischi per la democrazia :un tema che può essere efficace per la base del Pd ma che certo non aiuta il partito a frenare l’emorragia di consensi a favore di uno scatenato populista Conte e di un asse Calenda-Renzi che cresce nell’area moderata anche per gli errori commessi da Forza Italia.

Letta è convinto che con un 4% in più il Pd potrebbe togliere al centrodestra gran parte dei 60 collegi uninominali ritenuti contendibili e riaprire la partita Ma per conquistare il 4% in 17 giorni ci vorrebbe una strategia chiara e convincente.

Sponsor

Articoli correlati

Rallenta l’inflazione a fine anno. Ripresa sostenuta ma giù nel 2023

Maurizio Piccinino

La strada stretta ma obbligata di Conte

Giuseppe Mazzei

I giovani tra intrattenimento e campagne elettorali

Luca Sabia

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.