mercoledì, 29 Maggio, 2024
Politica

Nebbia fitta sul Quirinale. Letta, patto di legislatura. Il rischio di “bruciare” Draghi

Ancora carte coperte a 8 giorni dal voto

Nella partita sul Quirinale le dichiarazioni ufficiali dei partiti non svelano le reali strategie. I giochi sono molto coperti. Scontato il no a Berlusconi, Pd e 5 Stelle si tengono aperte tutte le ipotesi. Anche quella di Draghi.

Se Berlusconi non trova i voti

Si ritira dalla competizione e indica lui il nome di Draghi spiazzando la sinistra e mettendo una pesante ipoteca sul prossino governo.

Se Berlusconi dimostra di avere i voti

Il centrodestra è obbligato a votarlo. Se il Cavaliere ce la fa, saranno problemi per Meloni e Salvini che si vedranno rubare la scena dal vecchio leader. Forza Italia riprenderà vigore a danno di Lega e FdI.

Problemi seri anche per Pd e 5S: fuori dai giochi sarebbero tentati di andare fuori anche dal Governo e sarebbe la fine di Draghi.

Se Berlusconi fosse bocciato dai franchi tiratori

Nessuno si fiderebbe più di nessuno. Partirebbe il gioco dei veti incrociati. E tutto potrebbe succedere, anche la rielezione di Mattarella.

Sarebbe l’implosione finale per il centrodestra, con Forza Italia che si sgancerebbe da Salvini e Meloni e si sposterebbe verso un’area centrista che potrebbe gravitare intorno a Renzi.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Riforme istituzionali si parte tra diffidenze, paletti e attese

Giuseppe Mazzei

Finché c’è Giorgetti…

Giuseppe Mazzei

Conte e la minaccia dell’ombra di Draghi: “Meglio una sconfitta pulita che una vittoria sporca”

Domenico Turano

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.