lunedì, 20 Maggio, 2024
Politica

Meloni, Bonaccini e il senso dello Stato… questo sconosciuto

Ha destato stupore il rapporto cordiale, sereno e a tratti affettuoso tra la Presidente del Consiglio e il Presidente della Regione non solo nei luoghi della tragedia ma anche nelle sedi istituzionali. Siamo talmente abituati a percepire la politica come una sorta di wrestling che quando vediamo la normalità ci meravigliamo.
Meloni e Bonaccini hanno dato a tutti una lezione semplice ma necessaria in tempi di settarismo dilagante, quando l’avversario politico viene descritto e trattato come un nemico. I due Presidenti non si sono comportati come se fossero uno la leader della maggioranza e l’altro il mancato leader del principale partito di opposizione. I loro ruoli di partito e di schieramento hanno ceduto il passo a qualcosa di più importante: il senso dello Stato.

Ai tempi della Prima Repubblica, questa espressione era di uso frequente. Da 30 anni in qua non la si sente più. E non è una questione di lessico dimenticato ma di sostanza: non si parla di senso dello Stato perché in giro ce n’è poco e sono rari i politici e gli uomini delle istituzioni che ne percepiscono l’importanza.

Avere il senso dello Stato significa anteporre agli interessi personali, di partito, di schieramento e anche di ruolo istituzionale qualcosa di più importante: il valore della collettività nazionale rappresentato dallo Stato, dalle sue leggi e dalle sue istituzioni intese come parte di un’unica orchestra.

Meloni e Bonaccini avrebbero potuto ostentare reciproca freddezza e anche qualche tono reciprocamente critico. Ma che segnale sarebbe arrivato ai cittadini, soprattutto a quelli che hanno perso tutto e dovranno ricostruire da zero la loro vita?

Sarebbe apparso chiaro che anche di fronte ad una tragedia la politica cede alla tentazione di pensare ai suoi giochi e dimentica che c’è qualcosa di più importante. Il senso dello Stato, appunto. Che obbliga a mettere da parte, nella forma e nella sostanza, ogni particolarismo, ogni interesse di parte, ogni tentativo di strumentalizzare gli eventi per calcoli di partito e porta a pensare al bene comune, alla necessità che lo Stato possa funzionare e fornire ai suoi cittadini ciò di cui hanno bisogno.

In fondo Meloni e Bonaccini hanno fatto capire che, soprattutto quando succedono eventi disastrosi, siamo tutti sulla stessa barca e questa barca non appartiene a nessuno. Perché questa barca è lo Stato che non è di nessun partito, di nessun leader, di nessun ruolo istituzionale: è superiore a tutto per servire tutti. E va servito da tutti, a cominciare dai politici.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

“LALBANIA”

Tommaso Marvasi

Sui 12 mesi del governo la forte impronta di Meloni

Giuseppe Mazzei

Cittadinanzattiva e Forum Disuguaglianze: patto per la non autosufficienza

Paolo Fruncillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.