venerdì, 19 Aprile, 2024
Esteri

Ucraina. L’Occidente non perda la concentrazione. I rischi del 2023

Lotte di potere in Russia, internazionalizzazione del conflitto e ipotesi di cessate il fuoco a fine anno

Il 2022 verrà ricordato come l’anno in cui l’Ucraina ha messo fuori combattimento i russi. La fornitura di armi occidentali si è rivelata cruciale. I missili anticarro hanno contribuito a vincere la battaglia a nord di Kiev e l’HIMARS e simili sistemi di artiglieria sono stati un punto di svolta in Oriente. I russi hanno perso un’enorme quantità di attrezzature, migliaia di soldati e un notevole numero di alti ufficiali. Eppure, nonostante queste battute d’arresto, Putin sembra essere in vantaggio.
A differenza dell’Occidente che ha altre priorità per la Russia questa guerra è l’obiettivo numero uno.
Questo ha permesso a Mosca di vincere la guerra della propaganda. In Cina, India, Medio Oriente e gran parte dell’Africa, la gente ha accettato la narrazione secondo cui l’espansione verso est della NATO ha obbligato Putin a prendere posizione. La gestione dell’informazione russa è stata più attiva e più efficace di quella dell’Occidente e gli aumenti dei prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari hanno reso il compito più facile.
L’Europa sta ancora finanziando gran parte della guerra russa. Certo, l’Unione europea ha compiuto sforzi per ridurre il prezzo che la Russia guadagna dal suo petrolio e ha compiuto notevoli progressi nella diversificazione delle sue fonti di approvvigionamento di gas. Tuttavia, l’Europa sta pagando per il gas russo più di quanto abbia fornito all’Ucraina in assistenza militare.

Con l’aumento dei costi alimentari ed energetici e con un’inflazione alta la solidarietà con l’Ucraina potrebbe vacillare.

Putin si starà chiedendo se gli Stati Uniti sono così risoluti come sembrano.

Nessuno conosce la linea che i repubblicani assumeranno nei confronti dell’Ucraina alla Camera dei Rappresentanti. Entro la fine del 2023, l’attenzione si sposterà sulle prossime elezioni presidenziali. Putin spera senza dubbio in un secondo mandato per Donald Trump e guarderà attentamente per vedere quale posizione assume il governatore della Florida Ron Desantis sull’Ucraina. Il presidente Biden probabilmente vorrà che la guerra in Ucraina sia risolta prima della fine del 2023, per dare a se stesso (o a un altro candidato democratico) una corsa più chiara alle urne.

Tutto ciò indica una qualche forma di accordo ad interim di cessate il fuoco verso la fine del 2023. Definire i termini di qualsiasi accordo richiederebbe quel tipo di determinazione diplomatica che Mosca conosce, ma che sembra mancare all’Occidente. La Russia manterrebbe la Crimea, ma che ne sarà del Donbass, di un tribunale per i crimini di guerra, del risarcimento dei danni, della restituzione delle riserve in dollari russi, ecc.? E quali garanzie di sicurezza futura dell’Ucraina da parte di Putin avrebbero un minimo di credibilità?

E ci sono altri sviluppi potenziali nel 2023 che sarebbero molto più drammatici e che richiederebbero una gestione esperta.

L’esercito russo potrebbe ammutinarsi. Avvenne nel febbraio 1917 e il governo crollò. Un ammutinamento è il modo più probabile in cui Putin possa cadere. Un evento simile porterebbe a un’attività diplomatica frenetica e a un pericolo estremo in quanto la Russia guarda al suo arsenale nucleare come mezzo per proteggere la sua integrità territoriale. È impossibile prevedere quando un regime totalitario cadrà, ma è sempre improvviso.

 L’Iran è già coinvolto nella fornitura di droni armati alla Russia in un momento in cui la propria stabilità è minacciata dalle proteste di massa. Con l’accordo nucleare iraniano in stasi e con un nuovo governo falco Netanyahu in Israele, c’è il rischio potenziale di trascinare il Medio Oriente nel conflitto. Lo stesso vale per la Corea del Nord che è stata sempre più belligerante negli ultimi mesi e potrebbe essere disposta a causare problemi a Washington per conto di Putin. Nel frattempo, la Cina continuerà a vedere l’Ucraina attraverso il prisma di Taiwan. Il presidente cinese Xi Jinping potrebbe subire pressioni interne durante il 2023, poiché la sua cattiva gestione dell’epidemia di Covid in Cina diventa più evidente. La maggior parte degli analisti pensa che la Cina non invaderà Taiwan nel 2023, ma potrebbero sbagliarsi. Come fecero per l’Ucraina.

* Visiting Professor of War Studies al King’s College di Londra

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

NATO: 130 miliardi di dollari, ma è davvero necessaria

Enzo Cartellino

Il ricatto sul gas di Mosca è un test di unità per l’Ue

Marco Santarelli

Guai ai vinti

Tommaso Marvasi

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.