martedì, 5 Marzo, 2024
Politica

Il Parlamento, il consenso sociale e la spirale dell’irresponsabilità

I tempi stretti per l’approvazione della legge di Bilancio, riducono anche gli spazi per l’indispensabile confronto sociale. Che non si fa solo a colpi di scioperi e manifestazioni ma anche -e soprattutto- discutendo senza contrapposizioni preconcette le possibili correzioni alle scelte del Governo.

I sindacati si sono divisi sulla richiesta della Presidente del Consiglio di evitare gli scioperi e di cercare un’intesa sui temi che stanno più a cuore ai rappresentanti dei lavoratori e dei pensionati. Non è un buon segnale. Visti i tempi complicati che ci attendono, un clima di conflittualità non giova a nessuno. Né al Governo, che ha bisogno di consenso sociale ampio per le sue decisioni difficili, né ai sindacati e ai partiti di opposizione che devono portare a casa risultati e non limitarsi a riempire le piazze e i cortei.

La conflittualità fine a se stessa dovrebbe essere messa in soffitta, soprattutto quando l’inflazione alta rischia di partire al galoppo e quando famiglie e imprese sono alle strette per i costi forsennati dell’energia.

Ci sono i margini per una politica sociale del Governo che tenga conto delle gravi difficoltà in cui si trovano milioni di cittadini, molti dei quali spinti nel baratro della povertà? I margini ci sono, perché l’Italia viene da due anni di crescita record (oltre il 10%) che hanno portato l’occupazione a livelli mai visti negli ultimi decenni. Se l’inflazione fisiologica legata allo sviluppo non fosse stata drogata dai costi dell’energia oggi potremmo meglio redistribuire i vantaggi dell’aumento del Pil registrato negli ultimi 24 mesi. Invece dobbiamo fronteggiare un doppio rischio combinato: il crollo della crescita e la spirale prezzi-salari che l’inflazione rischia di innescare.

Vanno entrambi evitati. Serve il consenso sociale, il senso di responsabilità di tutti: partiti di maggioranza e opposizione, imprenditori e sindacati. I nostri sono tempi duri che non si possono affrontare con i paradigmi del passato.

Per questo la maggioranza di Governo non si chiuda in se stessa e sia più attenta a richieste ragionevoli che vengono da più partiti. I sindacati non illudano i lavoratori che facendo salire la temperatura dei conflitti si ottengano risultati positivi. Gli imprenditori continuino ad investire e mettano parte dei profitti nelle tasche di chi lavora seriamente. I partiti di opposizione sono divisi, come i sindacati. Il Pd ha scelto la piazza anche per compattarsi in vista di una difficile stagione precongressuale.

Conte rischia di soffiare sul fuoco del malcontento che pensa di interpretare con demagogia e populismo. Calenda e Renzi hanno optato per un’opposizione dialogante. Meloni usi il suo prestigio per imprimere una marcia diversa all’azione della maggioranza.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Al via il primo Forum internazionale del Turismo

Paolo Fruncillo

Centinaia di morti, donne e bambini, all’ospedale battista di Gaza

Maurizio Piccinino

Fisco pigliatutto: 568mld, 57 in più. In venti anni entrate salite del 52%

Maurizio Piccinino

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.