venerdì, 23 Luglio, 2021
Europa

Consiglio Europeo. Italia: rotte migratorie parte integrante dell’azione dell’Ue

Due giorni di riunioni per fare il punto sui progressi delle campagne vaccinali. Sullo stato di avanzamento dei Piani nazionali per la ripresa e la resilienza e sui diritti civili. L’Italia impone all’ordine del giorno il tema dei migranti. 

Come ha ricordato  in Parlamento il premier Draghi, tra i Paesi dell’Unione, esiste “un’ampia convergenza” sull’esigenza di superare il Regolamento di Dublino concepito in una fase storica diversa da quella attuale e si è mostrato positivo rispetto al riconoscimento delle rotte migratorie come parte integrante dell’azione esterna dell’Unione europea. Ma al momento il tema sembra ancora essere fortemente divisivo tanto che ad alzare i toni ci ha pensato il presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, in conferenza stampa a Bruxelles: “Non è accettabile moralmente che le questioni dell’immigrazione e dell’asilo siano legate alle vicende elettorali dei singoli membri né possiamo continuare a non avere una politica europea” sui ricollocamenti. Quando avviene uno sbarco, succede che “la Commissione telefona” e chiede “chi può prenderne 50, chi può prendere i minori può essere affidata” la gestione di un fenomeno come “la migrazione ad un meccanismo così volontario? È un po’ scandaloso”.

Il Consiglio dovrà affrontare anche il delicato tema delle relazioni con Turchia, Libia, Russia, Bielorussia, Sahel ed Etiopia. In particolare è prevista, sul finale della prima giornata, la ripresa della discussione sulle relazioni con Ankara per la riapertura di un dialogo costruttivo, dopo il deterioramento delle relazioni e le tensioni nel Mediterraneo orientale dei mesi scorsi. Secondo una nota di Palazzo Chigi, “i leader intendono riconfermare la disponibilità dell’Unione europea a cooperare in alcune aree di interesse comune, come la lotta ai cambiamenti climatici, la salute pubblica o la lotta al terrorismo, ma ribadiranno la preoccupazione per il rispetto dei diritti fondamentali in Turchia, come i diritti delle donne, i diritti civili e i diritti umani”.

In agenda sembrerebbe essere entrata di fatto anche la questione che ha visto scontrarsi sui giornali di questi ultimi giorni l’Ungheria e il suo premier Viktor Orbàn con l’Unione Europea, in particolare con la Germania. 16 capi di stato di Stato e di governo, Draghi compreso, hanno, infatti, firmato un testo per ribadire il sostegno alle “diversità e l’uguaglianza Lgbti”. Non c’è riferimento diretto alla legge omofoba ungherese, già attaccata pubblicamente dalla stessa Von der Leyen destinataria della missiva, ma la presa di distanza da Orbàn appare evidente.

Sponsor

Articoli correlati

Artigiani contro il decreto Sostegni: cambiare le norme su subappalti e contratti

Angelica Bianco

Punto e a capo: Brexit, si riparte dal via 

Luca Sabia

Mediterraneo bollente

Andrea Strippoli Lanternini

Lascia un commento