lunedì, 26 Febbraio, 2024
Politica

Governo e Magistrati a chi tocca riformare la giustizia

Un’ennesima riedizione della telenovela dei magistrati che alzano barricate contro il Governo sulla giustizia? Nessuno ne sente il bisogno. E non farebbe bene al Paese.

La riforma di norme e procedure penali in due tempi, annunciata da mesi da Nordio, rischia di trovarsi  di fronte il fuoco incrociato dell’Associazione nazionale magistrati. Lo spettacolo non è nuovo. Ogni volta che nel corso degli ultimi 30 anni i vari Governi di diversa coloritura politica hanno messo mano a modifiche che riguardavano la giustizia si è messo in moto un meccanismo teso a bloccare tutto che ha coinvolto i magistrati le cui posizioni spesso sono state strumentalizzate politicamente.

I magistrati sono cittadini come gli altri, hanno diritto di esprimere opinioni, ma non possono costituirsi come controparte del Governo e del Parlamento nell’attività legislativa che esula dai loro poteri. La magistratura applica le leggi non le scrive né le approva. Questi compiti appartengono ad altri poteri dello Stato.

L’esperienza dei magistrati può e deve essere messa a disposizione del legislatore che ne deve tener conto. Ma le decisioni finali spettano solo a chi è stato scelto dal popolo e al popolo risponde, non a chi è vincitore di un concorso pubblico. Tentare di alzare barricate usando toni e argomenti impropri contro le sovrane decisioni di Parlamento e Governo è inaccettabile e ci si augura che Nordio non si lasci condizionare come, purtroppo, è successo ad altri suoi predecessori.

Tante norme penali, come l’abuso d’ufficio, hanno dimostrato di non funzionare più e di non trovare una concreta ed efficace applicazione.

Altri reati, come il traffico di influenze illecite, sono stati stigmatizzati da subito dalla Cassazione come fumosi, generici perchè non veniva data una definizione precisa quali fossero le influenze lecite.

Sulle intercettazioni telefoniche è ormai matura la convinzione che esse siano indispensabili ma che il loro uso debba essere finalizzato alle indagini e non  alla distruzione di persone che non c’entrano nulla con le inchieste.

Su questi temi la magistratura farebbe bene ad avanzare proposte e suggerimenti applicabili, con discrezione e senza costituirsi come tribuno del popolo.

Nessuno deve attentare all’autonomia dell’ordine giudiziario ma il Governo deve adeguare le norme e le procedure e non deve farsi spaventare da nessuno.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Auto elettriche e piccole imprese agricole. Fondi per ecobonus e digitalizzazione

Francesco Gentile

Kurt e i farmaci introvabili

Federico Tedeschini

Difficile decollo del nuovo leader 5S: sulla strada di Conte pochi raggi di sole

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.