giovedì, 25 Luglio, 2024
Attualità

L’eterna guerra di Putin che potevamo prevedere

Fin dall’inizio di questa crisi non siamo riusciti a prevedere le azioni di Putin nonostante avessimo un quadro preciso delle sue motivazioni e delle radici del suo intento. Lo abbiamo visto attraverso la lente della nostra cultura e della nostra storia e gli abbiamo attribuito caratteristiche decisionali logiche ed etiche simili alle nostre. Invece, Putin è stato nient’altro che coerente per decenni con se stesso nei suoi interventi pubblici sull’Ucraina. Il suo vocabolario nazionalista ha telegrafato i suoi pensieri sul ritorno Ucraina alla sottomissione prerivoluzionaria alla Russia. Eppure, siamo rimasti sorpresi quando ha invaso la Georgia, annesso la Crimea, e permesso movimenti separatisti in Ucraina orientale. Non abbiamo capito che Putin non ha valutato il rischio usando i nostri criteri.

All’inizio di quest’anno, Putin ha dispiegato le forze militari in varie località al confine russo e bielorusso con l’Ucraina. La loro composizione e disposizione erano per l’attacco, non la difesa. Erano posizionati per l’approccio più rapido in Ucraina orientale e a Kiev. In parallelo, l’esercito russo ha mosso forze aggiuntive in Bielorussia per condurre quelle che sosteneva fossero esercitazioni di addestramento. Non sono mai partiti.

Le forze missilistiche russe hanno testato le loro armi per sottolineare la serietà di Putin. Eppure, nonostante le dichiarazioni di Biden sulla decisione di Putin di invadere, poco è stato fatto per prepararsi. La preferenza delle forze corazzate e meccanizzate assemblate da Putin per sfruttare le strade ad alta velocità in Ucraina avrebbe potuto essere dedotta, ma sembra che poco sia stato fatto per impedirne l’uso. La NATO e l’UE erano in disaccordo. I Capi di stato fecero pellegrinaggi a Mosca, credendo che Putin potesse essere motivato a non perseguire la guerra: rimase impermeabile alle loro suppliche. Aveva già deciso di mettere in moto una crociata russa portando lo stendardo del suo odio.

L’invasione dell’Ucraina non è stata una decisione di politica estera, è stata una decisione profondamente personale. In senso storico, i semi dell’odio ribollente di Putin per l’Ucraina sono stati piantati fin dalla Rivoluzione russa. Putin vedeva la tolleranza di Lenin verso l’autodeterminazione da parte dei popoli dell’Impero russo come un difetto critico e un segno della sua debolezza politica. Putin, a differenza di Lenin, vede solo il potere puro e la mano pesante di Mosca, come strumento per combattere la democrazia.

La sua convinzione si estende a un concetto di lunga data di uno stato slavo unificato in cui un’Ucraina indipendente non ha alcuna legittimità storica, culturale o politica. Putin si riferisce costantemente al periodo prerivoluzionario come il suo modello per il futuro della Russia. La dissoluzione dell’Unione Sovietica, un’istituzione che Putin considerava profondamente viziata, tuttavia umiliava l’ufficiale del KGB, che interiorizzò i propri fallimenti per prevenire questa “catastrofe.” Tutto ciò che ha fatto e detto da allora è stato quello di rendere la Russia rilevante, ripristinare l’orgoglio russo, e riconquistare gli stati perduti dell’Impero. Nella sua mente, i primi due erano impossibili senza il terzo. L’Ucraina e la Georgia sono state solo le prime a provare l’ira militare della Russia per essersi allontanata da Mosca. Altri seguiranno mentre Putin ricrea violentemente la sua visione imperiale.

Dal suo punto di vista, l’invasione dell’Ucraina potrebbe essere vista come poco rischiosa. Aveva già invaso la Georgia, annesso la Crimea e dispiegato le forze militari russe nelle regioni “separatiste” dell’Ucraina orientale. Le sue forze acquisirono esperienza di combattimento in Siria, l’esercito ucraino era relativamente debole, la NATO e l’UE erano disuniti e probabilmente sarebbero rimasti passivi, gli Stati Uniti erano in tumulto politico, e l’Occidente è stato condizionato per decenni dalla paura che lo ha sottomesso al bullo russo. Un attacco militare schiacciante avrebbe dovuto far cadere il governo in carica e stabilire le condizioni per l’installazione di un governo fantoccio. Nel contesto dell’odio ribollente di Putin, sarebbe stato importante anche umiliare il popolo ucraino, distruggere la loro identità, e spegnere la fiamma della democrazia e dello spirito di libertà.

Ora sappiamo che Putin ha sopravvalutato la competenza dei suoi militari e sottovalutato il coraggio e la capacità dei militari ucraini e la resilienza del popolo ucraino. La sua campagna si è fermata al primo contatto con la resistenza ucraina. Per aumentare l’efficienza militare, i russi adottarono la dottrina di Zhukov di fermare le loro forze e usare artiglieria e razzi per appiattire tutto ciò che era davanti a loro, passare attraverso la distruzione, fermarsi e ripetere fino a raggiungere il loro obiettivo finale.

I danni collaterali sono un concetto alieno per l’esercito russo, e i leader di Mosca sono completamente insensibili alla protesta internazionale per il genocidio in corso. La morte di quelle che potrebbero essere decine di migliaia di civili innocenti significa poco per loro. Dal punto di vista di Putin, le vittime sono responsabili del proprio destino perché non si sono arrese.

Ispirati dal coraggio indomabile del popolo ucraino, gli Stati Uniti, la NATO e l’Unione europea si sono uniti. L’isolamento economico della Russia è necessario, ma forse insufficiente, per cambiare l’esito di questa guerra. La ricchezza di Putin e quella di alti funzionari russi non è valutata in misure tradizionali, come beni di lusso, immobili, investimenti e imprese commerciali in corso. La loro vera ricchezza è indissolubilmente legata alla ricchezza e al potere dello Stato russo.

Per Putin, invadere l’Ucraina è stata una decisione profondamente personale ed emotiva. Come tale, la sofferenza del popolo russo non sarà un elemento di cui terrà conto nel suo calcolo del rischio.

* Douglas H. Wise, già vice direttore dell’Agenzia Usa per intelligence della Difesa

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

L’anagrafe dei conti correnti valorizza il “metodo Falcone”

Giuseppe Miceli*

Stati Uniti, Unione Europea e Kiev a colloquio per discutere di negoziati di pace tra Russia e Ucraina

Federico Tremarco

Cia e Coldiretti criticano la legge Ue sul ‘ripristino della natura’

Francesco Gentile

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.