giovedì, 29 Febbraio, 2024
Politica

Biden, consulto sulla democrazia. Draghi e Macron; modello vincente

Non invitati Putin e Xi

La democrazia sta subendo nell’ultimo decennio un declino. Lo ha ammesso Biden che non assolve neanche gli Stati Uniti. Lo fa in apertura del Summit organizzato da lui proprio per riflettere sulle moderne forme di governo a tutela dei diritti umani e delle libertà individuali, a cominciare da quelle di espressione. ”La sfida del nostro tempo – ha detto Biden – è quella di tutelare la democrazia”, con fatti e non parole e ”con l’aiuto dei nostri partner”. La lotta alla disinformazione e alla corruzione, la transizione digitale, la libertà di informazione e il finanziamento dei progetti infrastrutturali nel mondo sono alcuni dei tanti temi affrontati nell’incontro.

TRA I GRANDI ESCLUSI UNGHERIA, RUSSIA E CINA

Tra i Paesi partecipanti, 77 sono stati classificati come “liberi” o pienamente democratici, secondo il rapporto 2021 di Freedom House, ma altri meno come Ucraina, Polonia, Pakistan e Filippine. L’Europa è stata la regione più rappresentata con 39 Paesi invitati, ma con una unica grande esclusa, l’Ungheria. Viktor Orban, visibilmente irritato per lo sgarbo, convinto di essere stato penalizzato per i suoi stretti legami con l’ex presidente Donald Trump, ha anche tentato di impedire alla presidentessa della commissione Ursula von der Leyen di parlare al vertice, la quale, però, ha deciso lo stesso di intervenire. Tra gli altri esclusi anche la Turchia, la Serbia, l’Egitto, la Bosnia ed Erzegovina per il suo avvicinamento a Mosca, l’Algeria, l’Arabia Saudita, la Giordania, il Qatar, gli Emirati Arabi Uniti, Cuba , la Bolivia, il Venezuela, il Nicaragua, e, naturalmente, la Russia di Putin e la Cina di Xi Jinping. Mosca ha parlato di “evento bizzarro”, Pechino di bullismo ed egoismo, L’Avana di segnali di “debolezza”.

DEMOCRAZIA LIBERALE: PER ITALIA E FRANCIA UNICO MODELLO POSSIBILE

Visione pressoché univoca tra Italia e Francia. Quello della democrazia liberale è “l’unico modello politico che permette di sostenere le nostre libertà”, ha affermato il presidente francese Macron. Lo ha confermato il modo di affrontare la pandemia del Covid: “Se guardiamo a come le democrazie hanno dimostrato la resistenza a questa crisi – ha continuato Macron – è la prova chiara della forza del modello democratico”. Stesso concetto ripreso anche da Draghi: “Le nostre economie si stanno riprendendo velocemente grazie a un supporto senza precedenti dei governi e le banche centrali, un esempio di resilienza e democrazia. Nei giorni più bui della crisi abbiamo lanciato Next generation Eu, abbiamo scelto di agire uniti e di dividere collettivamente il costo della ripresa. Abbiamo trasformato la pandemia in un’opportunità per superare iniquità di lungo periodo, promuovere sostenibilità e innovazione”. “Ci siamo trovati a dover bilanciare le libertà individuali – ha proseguito il Premier italiano – con la sicurezza collettiva e a garantire la prosperità durante una forte recessione. Le nostre istituzioni sono rimaste forti ed efficaci e abbiamo preservato lo Stato di diritto”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Grano e mais, balzo dei prezzi. Coldiretti: venti di guerra e rischio blocco import da Ucraina

Marco Santarelli

Mattarella in Cile: “Dialoghi tra Europa e America Latina opportunità per la pace”

Stefano Ghionni

Consiglio d’Europa: istituito un Registro dei danni per l’aggressione russa in Ucraina

Marco Santarelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.