lunedì, 6 Dicembre, 2021
Esteri

Contro Isis e Al Qaeda necessaria presenza Usa tra Pakistan e Afghanistan

In Iraq sarebbero bastati 5000 marines a contrastare la nascita dello Stato Islamico

Nell’Iraq senza la presenza degli Stati Uniti, la nascita dell’ISIS è stata facilitata. Con le conseguenze che abbiamo visto gli orribili atti di terrorismo dell’ISIS, l’uccisione di innocenti in tutta Europa, la loro spietata uccisione e mutilazione di coloro che non sono allineati con le loro convinzioni, l’induzione delle donne alla schiavitù sessuale, e l’insensata distruzione degli artefatti storici.

Di conseguenza, gli Stati Uniti con il sostegno di una coalizione di oltre 60 nazioni sono dovuti tornare e spendere un prezioso tesoro nazionale di vite e risorse per cacciare e distruggere l’ISIS in Iraq e in Siria. L’ISIS è stata creata in Iraq. Perché? Per la mancanza di un piccolo numero di forze americane a terra. Per questo a suo tempo in Iraq proponevamo di mantenere circa 5.000 soldati sul campo.

A che punto siamo in Afghanistan

Abbiamo commesso errori significativi nel nostro ritiro, che non ho bisogno di precisare, e abbiamo già dovuto inviare indietro le truppe perché stavamo lavorando su numeri di un calendario truccato che non aveva alcuna rilevanza per le condizioni sul campo.

E ora che facciamo? Non possiamo tornare indietro nel tempo e riprendere l’Afghanistan dai Talebani, ma non dobbiamo nemmeno voltare le spalle alla cosa giusta.

Dobbiamo anche lavorare ora per trovare un modo per avere una presenza nella regione Afghanistan/Pakistan e dobbiamo guidare e influenzare il sostegno ai nostri interessi nazionali. Sarà anche molto difficile – non ci sono opzioni di basi alternative vicine e non c’è una coalizione pronta per noi da guidare – ma abbiamo delle opzioni e superano di gran lunga l’alternativa. Se non facciamo niente, forniremo spazio per la prossima rete terroristica che si svilupperà, determinata ad attaccare l’Occidente. Sarà solo questione di tempo.

Coinvolgere la Nato e gli altri Pesi alleati degli Usa

 Dobbiamo lavorare con altre nazioni, a cominciare dalle nazioni della NATO e altri alleati. Non li abbiamo coinvolti in questa decisione di ritiro o in questa tabella di marcia; quindi, è ora di ammettere il nostro errore e ricostruire una coalizione. Inizieremo in piccolo perché abbiamo perso la fiducia, ma crescerà quando tutti vedranno che siamo pienamente impegnati.

Il Pakistan dovrà essere parte della soluzione

È difficile per gli Stati Uniti lavorare con il Pakistan, ma non dimentichiamo che le loro armi nucleari devono rimanere controllate. È nel loro e nel nostro interesse impedire che reti terroristiche come al-Qaeda riescano a tornare in Afghanistan o in Pakistan.

Rafforzare alleanze nel Golfo Persico

Continuare a rafforzare le nostre alleanze e partnership in Qatar, negli Emirati Arabi Uniti e in Bahrein, in modo che queste opzioni di base rimangano o possano essere ampliate. Dovremmo anche cercare di lavorare con la Russia e la Cina. C’è un terreno comune con ciascuno, ma ancora una volta questo non sarà facile e ci vorrà tempo. La lezione che abbiamo imparato è che l’alternativa di non adottare queste misure sarà un impegno maggiore di spese e di uomini in seguito. (2-fine)

di Kevin Donegan*
già Comandante della Quinta flotta, delle Forze marittime unificate di 32 Paesi in Medio Oriente
e responsabile di operazioni antiterrorismo in Siria, Yemen, Iraq e Afghanistan

(traduzione a cura di Sofia Mazzei)

Sponsor

Articoli correlati

I diritti dimenticati dei figli e la “Solitudine delle ciliegie”

Antonella Sotira

Riforma fiscalità internazionale: aperture Usa, aspettative EU

Angelica Bianco

Sugli aiuti agli afghani l’ombra della corruzione a Kabul

Ranieri Razzante*

Lascia un commento