mercoledì, 22 Settembre, 2021
Cronache marziane

Europa e Regno Unito alla resa dei conti

Il primo viaggio non si scorda mai! E questa regola sembrava valere anche per le creature di altri mondi, visto che Kurt il marziano – raccontato al fine anni 50 da Ennio Flaiano, che gli attribuiva un’età attorno ai trent’anni (oggi dovrebbe esser centenario!) – non ha ancora perduto la voglia di muoversi fra i pianeti e, tornato da poche settimane a Roma, ha già cominciato a programmare qualche viaggio per il mondo.

Come extraterrestre può assumere sembianze umane, ma quando torna a rifugiarsi fra le pagine del suo creatore deve necessariamente restringere le misure che assume quando passeggia per le vie della Capitale, così l’altra mattina è piombato saltellando sul mio fascio di quotidiani e avvalendosi del traduttore istantaneo di cui è dotato ha cominciato ad interrogarmi sulla questione della Brexit e sul perché, di punto in bianco, i cittadini europei che si recano a Londra per lavoro vengano prima imprigionati e poi espulsi verso il Paese di provenienza.

Alla mia prima risposta infastidita (cosa può importare un marziano delle alterne vicende dell’Unione Europea!) ha replicato spiegandomi che anche stavolta – pur avendo scelto Roma come base per le sue vacanze sulla terra – intendeva tornare a vedere le città più importanti d’Europa: prima fra tutte Londra, che aveva a suo tempo visto devastata dalle bombe tedesche, salvo successivamente apprendere che fra quella città e Berlino si era costituita una comunità economica che sarebbe poi diventata ordinamento superstatale.

RESPINGIMENTI E TRADIZIONE LIBERALE

Ho così potuto apprendere con un po’ di sorpresa che Kurt conosce la storia del nostro mondo  e del nostro tempo molto meglio della gran parte dei suoi abitanti, anche considerando che ha colpito la mia attenzione con una domanda precisa: come mai il Regno Unito ha così repentinamente abbandonato le proprie tradizioni garantiste e liberali, che lo portarono a sconfiggere le pretese egemoni del dittatore tedesco, alleandosi con i progenitori di quegli stessi cittadini europei che ora respinge con metodi quasi brutali?

Confesso che una domanda così secca non avrei saputo rispondere, ma – per mia fortuna – quando la stampa ha cominciato a diffondere le notizie su ciò che stava capitando ad alcuni incensurati europei sbarcati a Londra, il Governo Johnson ha prontamente comunicato che i respingimenti non avrebbero più comportato l’incarcerazione dei respinti; ma la questione resta, in tutta la sua gravità e così la domanda di Kurt mi ha spinto a riflettere sull’accaduto e sui rischi della sua futura reiterazione.

Ecco il frutto delle mie riflessioni, esattamente come le ho esposte al mio amico marziano.

UN PERIODO DI TENSIONI E ROTORSIONI

L’uscita dell’Inghilterra dall’Unione Europea –  pur consacrata in accordi che, dal punto di vista giuridico hanno (almeno per ora) evitato conseguenze traumatiche sugli scambi commerciali – hanno lasciato sostanzialmente irrisolto il problema politico della libertà di circolazione delle persone; né le due parti hanno scelto di percorrere l’unica strada ragionevole per disciplinare questi profili: quella di utilizzare l’identico modello di regolazione dei rapporti fra Europa e Svizzera, che assicura quella libertà attualmente in bilico tanto per i cittadini europei che si rechino nel Regno Unito, quanto per gli inglesi che vogliano venire in Europa per ragioni diverse dal semplice giro turistico.

Dobbiamo quindi prepararci a vivere un periodo più o meno lungo di tensioni e ritorsioni fra Europa e Inghilterra, né la pandemia in corso ci aiuta considerando che il governo inglese ha adottato misure molto più efficaci di quelle utilizzate dalla maggior parte dei governi europei, cui l’Italia si è finora accodata addirittura delegando alla Commissione l’acquisto dei vaccini ed obbligandosi a non negoziare direttamente con le case farmaceutiche che li producono.

Kurt mi ha ascoltato con attenzione ma, dopo un attimo di perplessità, ha scosso il capo rotondetto e mi ha annunciato la sua decisione di recarsi comunque a Londra e di voler superare le diverse barriere doganali di nuovo assumendo le sembianze umane attribuitegli nella farsa di Flaiano: resto curioso di ascoltare il Suo racconto, quando tornerà.

Sponsor

Articoli correlati

Kurt innanzi alle “porte girevoli”

Federico Tedeschini

Germania ed Europa destini incrociati

Giuseppe Mazzei

Lo Stato di diritto prima di tutto

Andrea Strippoli Lanternini

Lascia un commento