lunedì, 17 Maggio, 2021
Politica

Il coprifuoco rimane alle 22: il metodo Salvini non funziona con Draghi

La sconfitta per Salvini è stata doppia. Ha dovuto subire il no al suo diktat che voleva imporre il coprifuoco alle 23  e ha dovuto  far buon viso a cattivo gioco perchè i suoi ministri non hanno seguito l’ordine di scuderia di votare contro la decisione del governo  e si sono astenuti.

Peggio di così non poteva andare al leader leghista.

Chissà se questa duplice brutta figura farà capire all’irruento capo politico della Lega che è ora di cambiare registro.

Da quando ha votato la fiducia al Governo, Salvini  si è prodigato in una politica del doppio binario: nelle sedi istituzionali ha sempre assicurato pieno sostegno a Draghi;nelle piazze e sui social non ha perso occasione per criticare le scelte del Governo e indicare una linea autonoma leghista spesso in radicale contrato con la politica dell’Esecutivo.

L’unica spiegazione razionale di questo comportamento politicamente “bipolare” può essere questa: Salvini non era molto  convinto di appoggiare il Governo, ha dovuto subire quella scelta e ora cerca di distinguersi per rivendicare una sorta di diritto alla politica delle mani libere.

Il metodo Salvini apparentemente assicura visibilità , ma in realtà  rischia di far perdere credibilità e capacità di leadership al segretario leghista: sostenere tesi diverse a seconda del pulpito da cui si parla e sistematicamente essere sconfessato dal Governo non depone bene per chi si sente un abile e invincibile condottiero.

 

QUESTIONE DI STILE

Salvini ha tutto il diritto di suggerire a Draghi soluzioni diverse da quelle proposte dagli altri partiti della coalizione. Ma lo deve  fare con garbo, nelle sedi istituzionali, usando un linguaggio univoco e non equivoco e-soprattutto- evitando toni ultimativi che minacciano fuoco e fiamme cui puntualmente non segue un bel nulla.

Draghi ,probabilmente, anche sul piano caratteriale, nel modo di gestire le conflittualità è l’esatto opposto di Salvini. Se applica a Palazzo Chigi le buone pratiche utilizzate nell’Eurotower di Francoforte, Draghi ascolta, sceglie una linea intorno alla quale cerca il consenso, non si fa spaventare da  chi fa la voce grossa e tira dritto.

Salvini potrebbe chiedere a Jens Weidman , il governatore della Bundesbank inutilmente oppositore di Draghi alla Bce, qualche consiglio su come evitare continue sconfitte e poco onorevoli brutte figure.

Sponsor

Articoli correlati

Coldiretti ringrazia Draghi: nel Piano l’agricoltura citata 62 volte. I 5.7 miliardi assegnati rilanceranno imprese e ambiente

Francesco Gentile

Sui migranti Di Maio bacchetta Salvini

Elisa Ceccuzzi

Patto salute, niente firma, lite Regioni e Governo

Maurizio Piccinino

Lascia un commento