giovedì, 6 Maggio, 2021
Politica

Crimini d’odio: effetti del populismo

La Germania sta vivendo una rinnovata ondata di razzismo e  antisemitismo, intimidazioni e violenze rivolte agli immigrati, in particolare ai musulmani. L’afflusso di migranti dal Medio Oriente e dall’Africa ha esacerbato le tensioni sottostanti nella società tedesca e riacceso i dibattiti su immigrazione, su tolleranza e su gli effetti potenzialmente destabilizzanti del cambiamento demografico. In alcuni casi, il popolo ebraico tedesco ha ricevuto minacce sia dall’estrema destra nel paese, sia da immigrati appena arrivati dal Medio Oriente. Un rifugiato siriano ha attaccato a Berlino un uomo per aver indossato un kipa, un copricapo tipico di alcuni membri praticanti di fede ebraica . Tuttavia, la maggior parte degli attacchi antisemiti sono collegati a membri dell’estrema destra tedesca, perpetrati da nativi tedeschi. Il crimine antisemita, così come i crimini d’odio commessi contro gli stranieri, sono aumentati dal 2018 in modo esponenziale.

Nella città orientale di Chemnitz alla fine dell’estate scorsa, le proteste includevano sfacciate manifestazioni di razzismo e intimidazione etnica perpetrate dai neonazisti e dai loro sostenitori. I crimini più diffusi erano rappresentati da discorsi di odio, graffiti antisemiti ed esibizione di svastiche, che, peraltro, sono vietate in Germania. Oltre agli estremisti di destra disposti a commettere atti di vandalismo, molestie e violenza, c’è anche una serie di sostenitori apparentemente più “legittimi”. Il movimento identitario in Germania, che si è rinominato “Il Nuovo Diritto”, cerca di normalizzare l’ideologia di estrema destra e lo sta facendo attraverso una campagna silenziosa ma apparentemente efficace che include il reclutamento nei campus universitari. I membri di un movimento giovanile di estrema destra chiamato Generation Identity hanno una storia di affiliazioni neonaziste. Questo movimento riceve il sostegno di partiti politici in Germania, inclusa l’alternativa per la democrazia (AfD).

L’AfD è stata accusata di non aver considerato le atrocità  dell’Olocausto e di non riconoscere la gravità dei crimini commessi dai nazisti e dal Terzo Reich di Adolf Hitler.

Per il fatto stesso che la storia della Germania è stata segnata dall’esistenza di Hitler, del fascismo e dell’Olocausto, l’antisemitismo risorgente e anche l’aumento dei crimini d’odio sono ancora più complicati da gestire in questo Paese piuttosto che  in altri.

Alcuni politici tedeschi hanno mostrato un’ammirevole leadership, esprimendosi fortemente contro l’antisemitismo e chiedendo al popolo tedesco di “opporsi con ogni mezzo”. Secondo quanto dichiarato dal New York Times, il ministro degli Interni tedesco Horst Seehofer ha fatto un appello inequivocabile alla sensibilizzazione delle coscienze.

Tuttavia, è necessario fare molto di più per rinunciare pubblicamente a tutte le forme di odio, incluso l’antisemitismo, mentre si dedicano risorse alla protezione di gruppi minoritari più vulnerabili colpiti da crimini di odio, intimidazione e violenza.

Questa malsana tendenza non ha interessato solo  la Germania, poiché anche in altri paesi europei, inclusa la Francia, si è registrato un forte aumento degli attacchi antisemiti. Il paese è rimasto scioccato quando a marzo 2018, una nonna di 85 anni, sopravvissuta all’Olocausto, Mireille Knoll, è stata assassinata a casa sua. Due sospetti sono stati successivamente accusati di un crimine di odio antisemita. Nel febbraio di quest’anno, un cimitero ebraico in Francia aveva le sue lapidi vandalizzate con svastiche, mentre in Belgio un carro da parata rappresentava una caricatura di un ebreo ortodosso seduto su sacchi di denaro. I leader europei, a più livelli di governo, devono continuare a manifestare contro la piaga dell’antisemitismo e dimostrare una forte leadership su questo tema.

L’ascesa del populismo in molti paesi dell’Unione Europea è stata accompagnata da un rinnovato tribalismo e promozione della politica dell’identità, che propaga una mentalità “noi contro di loro” . Questa tendenza sta avendo effetti corrosivi sulla coesione sociale, un segnale preoccupante per il futuro dell’Europa.

Sponsor

Articoli correlati

Un esodo senza fine

Giampiero Catone

Il costo della politica e (è) la questione morale

Domenico Turano

Vaccinazioni in azienda. Spese divise tra imprese e Stato

Francesco Gentile

Lascia un commento