sabato, 12 Giugno, 2021
Politica

Il tempo della smemoratezza

È proprio vero che questo è il tempo dello smarrimento della memoria, di un tale annientamento o disconoscenza del ricordo per il quale esiste solo quello che avviene nel giorno che passa e solo quello è credibile.

Soprattutto nei giorni scorsi abbiamo avuto testimonianze di questo fenomeno abbrutente, che non è solo italiano, ma ancora più diffuso altrove e che è diretta conseguenza dell’immersione delle solitudini individuali del mare torbido del mondo virtuale.

Cominciamo dai nostri eroi della galassia pentastellata. Nati da una parola d’ordine più che semplificata, il “vaffa” di Beppe Grillo, si sono nutriti per anni delle notizie fasulle dei social, diventando fautori del terrapiattismo, della demonizzazione dei vaccini, del metodo Vannoni per le staminali, dell’esistenza delle sirene e delle interpretazioni storiche più strampalate oltre che di una esaltazione smodata delle manette o di una ghigliottina, virtuale per fortuna, per i sostenitori di visioni politiche ben più strutturate.

Corollario a tutto questo, un terzomondismo grottesco e un po’ cialtrone, che li ha portati ad esaltare, come esempi di democrazia diretta, piccoli e grandi tiranni dell’America Latina.

Oggi, nel nuovo status di governanti e di coccolati da adulatori e da manager di scarto, tuonano contro le “fake news” che li hanno riguardati, si sentono europeisti e atlantici, non snobbano più i ristoranti e i caffè alla moda, compresi quelli del Parlamento, mostrano un crescente fastidio, per quanti, come Di Battista e lo stesso Casaleggio Jr, che vorrebbero riportarli alla fase militante degli inizi. Altri due esempi ancora di smemoratezze dilaganti.

Quella di coloro che abbattendo o lordando le statue, pensano di annullare e riscrivere la storia e quella, tutta italiana, della lapidazione di Palamara, che ha le sue colpe, da parte di colleghi che sembra si siano solo accorti ieri dell’esistenza, del peso e delle trattative delle correnti organizzate nella magistratura.

Sponsor

Articoli correlati

Renzi e le scatole di Maalox: “Necessarie per digerire i grillini, ma rifarei tutto”

Americo Mascarucci

Alienazione parentale, sos al Guardasigilli

Carmine Alboretti

Davigo: “Commissione inopportuna. I magistrati incapaci di fare politica”

Anna La Rosa

Lascia un commento