martedì, 16 Aprile, 2024
Geopolitica

Dobbiamo essere pronti ad un lungo confronto con la Russia

Docente universitario di “Diritto Internazionale e normative sulla sicurezza (IUS/13)” nell’ambito del Master universitario di Secondo Livello in Scienze Informative per la Sicurezza presso l’Università degli Studi eCampus di Novedrate (CO)

La guerra di Putin ha dimostrato che la pace in Europa non può essere data per scontata, avverte il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg. Chiede maggiore capacità produttiva di armi e munizioni in Occidente. Questo è l’unico modo in cui l’Ucraina può tenere testa alla Russia e garantire la sicurezza dell’Europa. L’Ucraina è sottoposta a crescenti pressioni nella sua difesa contro la Russia. Quasi ogni notte, le forze russe tentano di distruggere le infrastrutture critiche in Ucraina, e spesso ci riescono. Allo stesso tempo, la città ucraina di Avdiivka, oggetto di aspri combattimenti dall’ottobre dello scorso anno, è oramai passata sotto il controllo russo. Inoltre, la Russia sta radunando sempre più soldati e carri armati davanti alla città strategicamente importante di Kupyansk ed è probabile che un grande attacco sia imminente. Kyiv ha bisogno di maggiori forniture di armi dall’estero per potersi difendere con successo.

Il segretario generale della NATO ha quindi invitato i Paesi membri dell’Alleanza a imparare la giusta lezione dalla guerra in Ucraina che dura da ormai due anni. L’economia europea deve essere orientata molto più di prima alla produzione di armi e munizioni.

“Dobbiamo ripristinare ed ampliare la nostra base industriale più rapidamente in modo da poter aumentare le forniture all’Ucraina e ricostituire le nostre scorte. “Ciò significa passare da una produzione lenta in tempo di pace a una produzione rapida, come è necessario nei conflitti”, ha detto Stoltenberg pochi giorni prima dell’incontro dei ministri della difesa della NATO a Bruxelles.

Nelle economie di mercato, i produttori di armi avevano bisogno di contratti firmati per aumentare la produzione. “L’industria europea ha bisogno di più contratti di questo tipo, e devono essere firmati più velocemente”, ha affermato l’ex primo ministro norvegese.

“L’economia e la forza industriale dell’Occidente superano di gran lunga quelle della Russia. “Quindi abbiamo i mezzi per superare la Russia sia nella produzione che negli investimenti”, ha spiegato Stoltenberg. Se ciò non avvenisse, il presidente russo Vladimir Putin ne trarrebbe beneficio e la sicurezza dell’Europa sarebbe a rischio.

Per Stoltenberg, la produzione di più armi e munizioni è una delle sfide più importanti nei prossimi anni: “Putin sta preparando l’economia russa per una lunga guerra. Ha ordinato un aumento del 70% delle spese militari russe e resta impegnato ad acquisire missili dall’Iran e dalla Corea del Nord. Poiché la Russia sta orientando tutta la sua economia verso la guerra, anche noi dobbiamo fare di più per la nostra sicurezza”, ha affermato il capo della NATO.

Sono stati compiuti progressi anche all’interno dell’Alleanza. La NATO è riuscita a stipulare contratti di munizioni per un valore di dieci miliardi di dollari in poco più di sei mesi. Stoltenberg ha avuto parole di elogio per Berlino e per il cancelliere Olaf Scholz. “La Germania è il secondo sostenitore di Kyiv dopo gli Stati Uniti e spesso è all’avanguardia nella fornitura all’Ucraina di attrezzature vitali. Accolgo con favore l’appello del Cancelliere Scholz agli Stati europei affinché forniscano un maggiore sostegno all’Ucraina. Tutti gli alleati devono farsi avanti”. L’impegno del governo tedesco di investire il 2% della produzione economica nella difesa in quest’ultimo anno è “indispensabile per la sicurezza dell’Europa”, ha affermato il Segretario generale della NATO. “Mantenere questo livello è fondamentale per mantenere i nostri Paesi al sicuro”.  Come sarà la situazione della sicurezza in Europa nei prossimi anni? “La NATO non sta cercando la guerra con la Russia. Ma dobbiamo prepararci per uno scontro che potrebbe durare decenni”, ha sottolineato Stoltenberg.

La guerra di Putin ha dimostrato che la pace in Europa non può essere data per scontata. Nessun Paese della NATO è attualmente minacciato direttamente, a livello militare, dalla Russia.

Allo stesso tempo, Putin minaccia ripetutamente i membri dell’Alleanza. “Se Putin vince in Ucraina, non vi è alcuna garanzia che l’aggressione russa non si diffonda ad altri Paesi”. La migliore difesa ora è sostenere l’Ucraina e investire nelle capacità militari della NATO. “La deterrenza funziona solo se è credibile. Finché investiremo nella nostra sicurezza e resteremo uniti, continueremo a scoraggiare qualsiasi forma di aggressione”.

Nel frattempo, il ministro della Difesa danese ha annunciato che la Russia potrebbe attaccare la NATO entro tre o cinque anni. La capacità di produzione di armi della Russia è aumentata enormemente, ha detto Troels Lund Poulsen al quotidiano Jyllands-Posten. “Non si può escludere che la Russia metterà alla prova l’Articolo 5 e la solidarietà della NATO entro tre o cinque anni. La NATO non aveva questo presupposto nel 2023. Queste sono nuove rivelazioni che stanno emergendo ora”.

Il ministro tedesco della Difesa Boris Pistorius ha dichiarato a gennaio che la NATO dovrebbe prepararsi ad un attacco da parte della Russia entro cinque-otto anni. Affermazioni simili sono arrivate recentemente anche dalla Svezia dove Il generale di più alto rango, Micael Biden, ha affermato che tutti gli svedesi devono “prepararsi alla guerra”. Anche il ministro svedese della Protezione civile Carl-Oskar Bohlin ha ribadito, in una conferenza, questo concetto: “In Svezia può esserci la guerra”.

La Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, lo scorso 15 febbraio, ha detto: “Abbiamo ribadito il nostro pieno sostegno all’Ucraina, da parte mia ho confermato l’intenzione di proseguire nel contributo attivo alla sicurezza dei nostri alleati orientali”, aggiungendo: “Siamo convinti che l’Alleanza atlantica debba continuare a mostrare coesione, unità, in linea con un approccio a 360 gradi alla sicurezza euroatlantica e rilanciando anche l’azione al fianco sud”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Rischio default per gli Stati Uniti. Torna lo spettro della “Grande Recessione”

Cristina Gambini

Speciale Geopolitica N. 1

Giuseppe Mazzei

Alfa Romeo lancia prima campagna pubblicitaria globale negli USA

Paolo Fruncillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.