lunedì, 6 Luglio, 2020
Politica

Ed ora iniziano le dimissioni dei Ministri del Conte bis. Dovevamo proprio perderlo Ettore Fioramonti?

Sponsor

Era inevitabile che i dissensi emersi in questi primi quattro mesi portassero a dimissioni di Ministri e Sottosegretari.

Il primo a dimettersi è il Ministro dell’Istruzione Università e Ricerca Lorenzo Fioramonti. E non solo si dimette ma annuncia anche che farà un gruppo autonomo con sei o sette colleghi deputati tra i quali, sembra, Nunzio Angiola e Gianluca Rospi, anche se, si dice, il gruppo appoggerà il Governo.

Fieramonti è il Ministro che aveva proposto tasse di scopo per finanziare il suo Ministero, al quale voleva vedere assegnati 3 miliardi per l’istruzione e 1 miliardo per la ricerca. In manovra ci sono poco meno di tre miliardi, e lui, comportandosi con coerenza ha rassegnato le sue dimissioni. Grande esempio per tutti. Non sappiamo ancora come reagiranno i diversi attori di questo Governo di fine anno: da . Chi prenderà il suo posto, a prescindere dal nome che sta girando, più per strategia che per convinzione, che è quello dell’attuale presidente della Commissione antimafia Nicola Morra, non è dato ancora sapere. Morra è un quasi dissidente 5S che il movimento vuole recuperare in pieno. Morra è ex insegnante di Filosofia e all’Istruzione potrebbe anche starci.

Troppi contrasti fin dal suo insediamento, nell’attuale governo. Costruire progetti politici con un movimento che dichiara di non essere né di destra né di sinistra è veramente difficile. Ci vuole la ferrea volontà di Giuseppe Conte e quella di tutto il Partito Democratico, che con una decisione inaspettata ha aderito alla richiesta di Luigi Di Maio.

Il Ministro degli esteri Di Maio, ora, non sorride più e cerca disperatamente di mandare segnali di terapia del successo, ma gli si legge negli occhi e nelle parole, lo sconforto che prova. Cerca di presenziare ogni riunione e cerca di fare buon viso a cattivo gioco.  Però non ci crede più nessuno nel Movimento, che resterà a lungo alla guida di una barca che ormai sembra senza timoniere.

Ci ha provato Luigi Di Maio a fare le cose che aveva detto in campagna elettorale però purtroppo quelle cose non le aveva studiate a fondo, prima: erano solo slogan propagandistici. All’atto pratico si sono dimostrate cose molto difficili da realizzare.

Il Movimento, in questo periodo, è veramente in movimento. Quasi ogni pentastellato sta cercando di costruire percorsi di sopravvivenza e di dignità. In molti, sembra, stanno prendendo iniziative autonome per formare gruppi, talvolta anche trasversali, perché il malumore si sta diffondendo sempre di più, tra tutti. O quasi.

Sembra che iI Premier Giuseppe Conte abbia già detto che l’Istruzione è un cardine fondamentale della Nazione e che il dicastero non può restare a lungo senza titolare. Non sarà facile trovarne uno così fedele che si accontenti dei pochi soldi disponibili. Anche i concorsi già annunciati e programmati rischiano di saltare. E i danni saranno probabilmente irreparabili. Un Ministero di cui si è sentito parlare troppo poco. Un Ministero al quale è affidata la Ricerca, pilastro di ogni possibile sviluppo e crescita nazionale, dovrebbe essere il primo ad essere ad essere finanziato. Anche la salute dei cittadini dipende dalla ricerca. Tutto è basato sulla ricerca: se manca quella, come è mancata in questi anni, non si può sperare in nulla. E Giuseppe Conte, da ex professore universitario, doveva saperlo. Farsi scavalcare dal collega Lorenzo Fieramonti, che diventa a 35 anni docente di economia politica presso l’Università di Pretoria; direttore del Centro per lo studio dell’innovazione Governance (GovInn) dello stesso ateneo e membro del Center for Social Investment dell’Università di Heidelberg, della Hertie School of Governance e dell’Università delle Nazioni Unite, non è stato un bel vedere.

Fieramonti si occupa di economia e integrazione economica europea. Per il Financial Times, Fieramonti sostiene che il PIL è “non solo uno specchio distorto in cui vedere le nostre economie sempre più complesse, ma anche un impedimento a costruire società migliori”.

Gli articoli dell’ormai ex Ministro sono apparsi su The New York TimesThe GuardianHarvard Business ReviewDie PresseDas ParlamentDer FreitagMail & GuardianForeign Policy e opendemocracy.net. non sappiamo se ha ancora la rubrica mensile nel Business Day, il principale quotidiano finanziario del Sudafrica. È stato co-direttore della rivista scientifica The Journal of Common Market Studies.

Dovevamo proprio perderlo Fieramonti?

Articoli correlati

Coltivare in città

Redazione

L’urgenza della semplificazione

Giampiero Catone

Il modello “Vot’Antonio” della comunicazione politica

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni