giovedì, 30 Maggio, 2024
Considerazioni inattuali

Lo spirito carnale

“Lo stesso sole che apre i cieli/è un mito brillante e muto” scrisse Pessoa “…Il corpo morto di Dio/vivente e nudo”. E per me sta tutta qua la congiunzione materiale e dicotomicamente spirituale tra vita e morte. Nel sole che apre il cielo e al contempo lo squarcia prorompente. Nel Dio morto che pure resta vivo, nella sua rappresentazione fisica del Sole. Allo stesso modo, potrei dire di aver partecipato a funerali che sapevano di vita, perché chi se ne andava – senza usare modesta retorica – era furore di vita in sé; riti funebri che spengono una realtà e non soltanto una persona, perché assistendovi ci si rende conto di assistere ad un tempo che non c’è più: alla morte dell’ultimo rappresentante di un’epoca finita.

IL TERMINE DEL CORPO CHE PORTA CON SE’ IL TEMPO

Alcuni, i più forti, se ne vanno portandosi via un tempo intero: fatto di valori, battaglie, principi come di pietre, di terra, di palazzi antichi, di sapori e odori così prepotenti da inondarci la mente e la carne per tutta l’esistenza, anche dopo la loro dipartita. Pochi giorni fa mi ha travolta un lutto; non certo il primo personale per cui ho sofferto. Eppure è stato l’ultimo degli affetti antichi di bambina: quelli con cui sono cresciuta, nel bene e nel male. Alcune morti, che non includevano affetti famigliari, hanno avuto per me identico valore: quelle di coloro che hanno cambiato la storia del Paese, sacrificando in nome di un principio di giustizia o di carità la propria vita. Hanno avuto un valore spirituale che però non si è mai mischiato con quello carnale. Quello della pelle che si sente dalla nascita.

IL CORPO DELLA MENTE

Ecco perché per Friedrich Nietzsche “Vi è più ragione nel tuo corpo che nella tua migliore saggezza”; perché la carne è espressione della mente e dello spirito ad un tempo: è l’insieme più potente dei due opposti che mai gli si contrappone. Tutto ciò che viene dalla carne, ciò che è generato dal corpo, diviene mente e spirito e mai si riduce a semplice materia. Ed è per questo che ciò che è stato, continuerà ad essere nelle menti come pure nei nostri corpi che hanno conosciuto quell’amore viscerale ed autentico che mai si perde: perché impresso prima nella carne e poi nello spirito di chi rimane.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Mosca e Pareto, la teoria delle élites. Il pessimismo intorno alla natura umana

Maurizio Merlo

L’Europa e la legge dell’entropìa

Federico Tedeschini

L’Emilia-Romagna la regione con più reati di maltrattamenti e violenza sessuale

Ettore Di Bartolomeo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.