lunedì, 27 Maggio, 2024
Attualità

Gli ostacoli di Putin alla moral suasion di Xi

La difficile mediazione del leader cinese. Oggi ad Antalya incontro di Lavrov e Kuleba

Putin sta creando problemi a Xi più di quanto non faccia, in questa fase, Biden. Il leader cinese sta lavorando con pazienza per indurre a miglior consiglio il capo del Cremlino. Un successo della diplomazia cinese per riportare la pace in Europa darebbe a Pechino un prestigio di enorme portata e aumenterebbe il suo peso nella definizione dei nuovi equilibri mondiali. Xi non poteva impedire a Putin di aggredire l’Ucraina, Ovviamente il leader cinese non può benedire le sanzioni euro-americane contro Mosca. Ha accolto gli inviti di Europa e Usa a mediare nel conflitto.
Ma a rendere difficile il suo compito è proprio Putin con il suo irrigidimento e con la svolta impressa alla guerra che non si limita agli obiettivi militari ma distrugge case, scuole, ospedali.

Xi non ha alcuna voglia di avallare le atrocità russe in Ucraina né di passare come protettore di un leader che potrebbe essere accusato di crimini contro l’umanità. La Cina non vuole essere messa in imbarazzo. Ci tiene a mantenere l’immagine di un Paese che  magari in casa  non va tanto per il sottile ma all’estero si presenta con la faccia serena, pulita e non aggressiva.

Mosca e Pechino hanno strategie diverse, anche se sono legate da patti di amicizia “senza limiti”. Entrambi i Paesi hanno mire espansionistiche ma le coltivano con modalità opposte. La Cina si muove con diplomazia e soft power. La Russia usa armi, mercenari e attacchi informatici.

Xi lavora alla Belt and Road Initiative per creare una rete mondiale di rotte e porti per veicolare il commercio e l’influenza cinese. Putin coltiva il sogno revanscista dell’impero della Grande Madre Russia. Uno guarda avanti, l’altro guarda indietro.

Taiwan non è uno Stato membro delle Nazioni Unite come l’Ucraina. La Cina la considera una sua provincia e pensa che prima o poi l’isola con i suoi 23 milioni di abitanti dovrà tonare insieme alla casa madre.

Putin nega il diritto all’esistenza dell’Ucraina, raccontando bugie storiche. Xi spera di trovare un’intesa con gli Stati Uniti sulla questione di Taiwan. Putin bombarda la popolazione civile dell’Ucraina e minaccia la guerra nucleare.

Pechino si aspetta dagli Usa una maggiore elasticità sulla questione di Taiwan: un cambiamento di status internazionale dell’isola è meglio di una invasione che non è la prima e neanche la seconda scelta di Xi.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

L’emergenza non è più la pandemia. Governo alla prova su Ucraina ed energia

Giuseppe Mazzei

Effetto Covid. Import, dalla Russia aumento del 100% dei dazi su grano. Confagricoltura: rischio impennata sui prodotti

Giulia Catone

Tel Aviv gela Blinken: “A Rafah anche senza l’aiuto degli Usa”

Antonio Gesualdi

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.