domenica, 28 Novembre, 2021
Politica

Le decisioni del Governo: si riparte con prudenza. Vince la linea Draghi

La Cabina di Regia del governo ha deciso: via libera alla proposta del premier Draghi di spostare di un’ora fino alle 23 il coprifuoco con inizio da lunedì prossimo. Il 7 giugno ristoranti bar e altre attività possono restare aperte fino a mezzanotte. Infine il 21 giugno niente più coprifuoco.

Si tratta quindi di un allentamento progressivo così come indicato dal presidente Mario Draghi e dal ministro della salute Roberto Speranza che hanno preso atto dei dati di un calo generale di contagi, di decessi e di une riduzione significativa dei ricoveri in terapia intensiva.

Si va, inoltre, verso una deroga ad hoc sul coprifuoco per la finale di Coppa Italia Atalanta-Juventus, prevista mercoledì 19 maggio alle 21. Mentre dal 1 giugno i ristoranti e i bar potranno aprire a pranzo e a cena anche al chiuso. Si tratta comunque di misure ancora caute.

I contagi da Covid secondo il Comitato tecnico scientifico non sono ancora bloccati, quindi ancora massima attenzione.

 

DATI CONFORTANTI SUI CONTAGI

Il clima durante la riunione a Palazzo Chigi è stato di dialogo

malgrado alcuni malumori espressi dalla Lega e da Fratelli d’Italia che avrebbero voluto togliere da subito le misure restrittive. Gli allentamenti progressivi sono stati accolti dalle associazioni del commercio e dalla federazione dei locali pubblici con una certa soddisfazione, anche se confidavano da subito in aperture fino a mezzanotte.

Gli ultimi dati sui contagi sono confortanti, infatti, continua a calare la pressione sulle terapie intensive e nessuna Regione ha una occupazione delle  terapie intensive oltre la soglia del 30% indicata come limite dal Ministero della salute. Tutta Italia inoltre è in zona gialla tranne la Valle d’Aosta che resta in fascia arancione.

La campagna di vaccinazione, prosegue a ritmo sostenuto, al momento sono state somministrate 27.416.033 dosi di vaccino e 8.627.856 persone hanno completato il ciclo vaccinale, pari al 14,56% della popolazione. In arrivo a giugno altre 20 milioni di dosi, come annunciato dal generale Figliuolo.

Altro tema atteso, che riguarderà il prossimo Consiglio dei ministri è il decreto sostegni-bis, che potrebbe vedere la luce tra mercoledì e giovedì. Prima di ultimarlo, infatti, il premier vuole capire cosa e quanto potrà definitivamente riaprire l’Italia. E su questo base i numeri dei ristori potranno sensibilmente cambiare.

 

Sponsor

Articoli correlati

L’ondata dei poveri

Giampiero Catone

Covid, aumentano i contagi e preoccupa l’indice Rt a 1,06

Redazione

I calcoli (sbagliati) di Giggino il capo

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento