domenica, 25 Luglio, 2021
Politica

Pirandello e il Senato

Nelle commedie di Pirandello i personaggi indossano una maschera psicologica perché nella poetica di questo grande autore nessuno è mai quello che appare. Nella seduta in Senato del 21 agosto sembrava di assistere ad un’opera di questo gigante della letteratura.

Conte ha interpretato il personaggio del grande statista che da lezione di correttezza costituzionale, umana e politica, illustra le opere compiute e traccia la strada del futuro

Salvini mostra il coraggio di un leone “rifarei tutto quello che ho fatto”, non replica alle offese ricevute, anzi offre l’altra guancia e manifesta una fede religiosa commovente, confidando nella Vergine e in San Giovanni Paolo II°

Renzi è di una bontà d’animo sconvolgente ”mi avete insultato i genitori ma io vi perdono e nell’interesse dell’Italia faccio un governo con voi” e per combattere il bieco razzismo che travolge gli italiani ingannati dal truce Salvini illustra il vangelo secondo Matteo ”ero esule e mi avete accolto, avevo fame e mi avete sfamato”

Proviamo a togliere la maschera a questi personaggi e vediamo cosa c’è sotto.

Conte ha illustrato il lavoro svolto dal governo nel segno della sua infausta previsione ”sarà un 2019 bellissimo” intendendolo dal punto di vista della crescita economica che assolutamente non c’è stata così come è mancato anche un briciolo di autocritica alla sua azione di governo. La terza parte del suo discorso aveva tutta l’apparenza di un discorso programmatico di insediamento, una candidatura a guidare un nuovo governo con una diversa maggioranza, come dire “eccomi qua sono l’uomo pronto per tutte le stagioni”. La prima parte del suo discorso è stato un violento cannoneggiamento ad alzo zero contro Salvini. Penso che mai si siano sentite tante accuse ad un solo uomo nello stesso discorso. Una domanda sorge quindi spontanea: ma di tutte queste nefandezze, avendolo accanto per 14 mesi, se ne è accorto solo dopo l’8 agosto? Se è così è proprio un ingenuo per usare un eufemismo, altrimenti vuol dire che tutti questi comportamenti del leghista gli stavano bene fino a quando gli facevano comodo.

Salvini alle 16.30 mostra un coraggio da leone dichiarando che rifarebbe senza alcun dubbio tutto quello che ha fatto. Alle 20 ritira la mozione di sfiducia alla faccia della coerenza. Non replica a nessuna delle accuse di Conte e si limita ad illustrare i temi della sua eterna campagna elettorale. E’ un buon cristiano che porge l’altra guancia? O più probabilmente segue gli insegnamenti degli esperti di comunicazione che consigliano di trascurare gli argomenti sgraditi dell’avversario ed illustrare i propri. C’è però un’altra interpretazione che si può dare per il fatto che non ha ribattuto alle accuse ricevute  e che avrebbe certamente espresso la mia saggia nonna Silva “chi tace acconsente” Che dire poi di tutto questo fervore religioso? Può anche darsi che abbia avuto una improvvisa illuminazione. Del resto non si è convertito anche San Paolo che prima perseguitava i cristiani? Quello però cercava di raccogliere anime  e non voti parlando nei comizi politici.

Che dire poi di Renzi che nel suo discorso ha gareggiato in bontà con Salvini. In realtà la sua proposta di accordo con i 5 stelle nasce dal desiderio di evitare le elezioni, non nell’interesse della patria ma nel suo interesse per salvare le poltrone di senatori e deputati che fanno riferimento a lui, per cercare quindi di mantenere intatto quel potere politico che aveva pubblicamente promesso di voler lasciare, passando così sui corpi insultati e sbeffeggiati dei genitori. Che cristiano maestro di anti razzismo! Però nel passo del vangelo da lui citato l’esule accolto e sfamato era uno solo e chi lo accoglieva non ci guadagnava nulla. Lui invece ne faceva arrivare a vagonate di 200.000 all’anno con un guadagno consistente delle varie cooperative (Buzzi diceva che ci si guadagnava più che con la droga). Se i cittadini vedendo masse di giovani palestrati e muniti di telefoni cellulari di ultima generazione che se la godono in alberghi, magari con piscina e WI-Fi, a spese del contribuente si scocciano un poco forse questo è un inizio deprecabile di razzismo, ma siamo sicuri che la colpa sia tutta di Salvini?

Intanto le consultazioni procedono e un bel governo 5 stelle, Pd, con aggiunta di cespugli di sinistra si farà. E’ il governo degli sconfitti 2018 e 2019 ma è perfettamente costituzionale. Si spera che correggano gli errori fatti in passato ma da quanto comincia a trapelare del futuro programma, sembra invece che siano condannati a ripetere i propri errori. E potranno agire con una certa tranquillità perché si troveranno senza una valida opposizione. Berlusconi, ammesso che voglia farla sul serio, non rappresenta una opposizione credibile; la Meloni è solo la miniatura di un sovranismo inefficace e quanto alla Lega il suo capitano si è degradato da solo. Non bisogna poi essere un esperto metereologo per prevedere che in autunno sul capo di Salvini si addenseranno nuvoloni neri provenienti dalle Procure della Repubblica.

La mancanza di una opposizione efficace è sempre un rischio per la democrazia. Ma non preoccupiamoci troppo, quello che ora non c’è inevitabilmente dovrà nascere.

Sponsor

Articoli correlati

Più partiti più democrazia

Domenico Turano

Quer pasticciaccio brutto der dippiciemme

Tommaso Marvasi

Conte commemora Sullo e la Dc “Serve oggi un nuovo umanesimo”

Maurizio Piccinino

Lascia un commento