martedì, 30 Novembre, 2021
Attualità

Ristori, licenziamenti e ammortizzatori sociali. Da Orlando sindacati e associazioni

La riforma degli ammortizzatori sociali, che attui un sistema universale di copertura, il rilancio dell’occupazione a partire da donne e giovani. Sono le priorità che, assieme agli indennizzi, al sostegno per le imprese e lavoratori, il Ristori 5; sono state messe in agenda nei primi incontri con il neo ministro del Lavoro, Andrea Orlando. Le indicazioni sul cosa fare sono arrivate da più associazioni di categoria e dai sindacati che hanno sollecitato il Governo ad affrontare le questioni più urgenti, dal capitolo ammortizzatori sociali ai nuovi ristori. Situazioni complesse a cui si aggiungono tensioni politiche, come nel caso dell’ultimo stop all’avvio della stagione sciistica, la cui riapertura attesa per il 15 febbraio nelle regioni gialle è stata invece rinviata al prossimo 5 marzo. Da definire, inoltre, insieme al ministro Orlando il prolungamento della cig Covid, ora gratuita per le imprese.

Punti destinati a confluire nell’atteso prossimo decreto Ristori 5 che sarà definito nei prossimi giorni. Un pacchetto su cui aveva già lavorato l’ex ministra Nunzia Catalfo, in questa bozza erano previsti la proroga della cig (ulteriori 8 settimane di cigo e 26 settimane di cig in deroga e assegno ordinario da utilizzare entro il 31 dicembre 2021), gli aiuti agli autonomi e professionisti con un fondo di 1.5 miliardi di euro per l’esonero dei pagamenti dei contributi previdenziali. Nella bozza c’era un’ulteriore indennità di 3 mila euro per i lavoratori dello spettacolo, stagionali e autonomi privi di partita Iva, insieme ai ristori in senso stretto.
Confcommercio e Confturismo nell’incontrò con Orlando, hanno sollecitato la richiesta di nuovi indennizzi, insieme al più generale sostegno per le imprese e i lavoratori. L’esecutivo Draghi ha assicurato l’impegno a compensare “al più presto” gli operatori del settore con adeguati ristori. Il nuovo decreto Ristori 5 può contare su un fondo di 32 miliardi, dopo l’ultimo scostamento di bilancio autorizzato dal Parlamento a metà gennaio.

Sul fronte lavoro Andrea Orlando, che ha già avviato il giro di incontri con le parti sociali aprendo il confronto con Cgil, Cisl e Uil, sul nodo dei licenziamenti.

Martedì sera il dialogo si è esteso a Confcommercio, Confindustria, Confapi, Confesercenti, Confartigianato, Casartigiani, Cna ad Alleanza delle cooperative. Sul tavolo numerose priorità, la riforma degli ammortizzatori sociali, e il rilancio dell’occupazione, a partire da donne e giovani. Con una attenzione particolare alle fasce più deboli. La crisi economica innescata dalla pandemia ha infatti colpito soprattutto i lavoratori con posizioni precarie e meno protette dal sistema di ammortizzatori sociali, con potenziali conseguenze negative sulle disuguaglianze, afferma anche la Banca d’Italia in uno dei suoi Working paper.

Sponsor

Articoli correlati

Industria, si ferma recupero produzione e attese meno favorevoli

Angelica Bianco

Nuova crisi dei consumi a luglio. Confesercenti: pesa il clima d’incertezza. Necessario prolungare cassa integrazione e incentivi fino a marzo 2021

Maurizio Piccinino

Fondi Ue. La Cna: tutto bene, ma i soldi ora devono servire al Paese, a tagliare la burocrazia e riformare i tempi della giustizia

Angelica Bianco

Lascia un commento