venerdì, 29 Maggio, 2020
Politica

Sicurezza bis e Tav, settimana in salita per la maggioranza

Sponsor

La fiducia al Senato sul decreto sicurezza bis, gli incontri con le parti sociali in vista della manovra, la doppia mozione sulla Tav. La maggioranza di governo è chiamata a una nuova settimana impegnativa. Il primo appuntamento oggi al Senato, con l’inizio della discussione sul decreto Sicurezza bis, una delle priorità dell’agenda politica della Lega.

Il leader Cinquestelle e vicepremier Luigi Di Maio ha rasserenato gli animi ma sul voto pesano anche le fibrillazioni nel movimento. La maggioranza – sul totale di 321 – è stabilita a 161. Sulla carta, il governo giallo-verde dovrebbe poter contare su 165 favorevoli senza tener conto però sugli “indecisi”, stimati tra cinque e sette senatori cinquestelle. In ogni caso l’iter del decreto non dovrebbe essere comunque pregiudicato.

Il provvedimento prevede un ulteriore giro di vite sulla gestione dell’ordine pubblico e sull’immigrazione. Oggi intanto nuovo incontro con le parti sociali. I tavoli in settimana saranno due: uno presieduto dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Palazzo Chigi (ore 16), l’altro, guidato dal vicepremier Matteo Salvini, che dovrebbe tenersi domani al Viminale.

Per Conte la riunione darà inizio a “un’altra settimana di lavoro cruciale”. “Con i sindacati e le associazioni di categoria ci confronteremo sul tema del lavoro e del welfare e sulle misure che abbiamo intenzione di attuare con la prossima manovra economica”, ha anticipato il premier. Il leader della Cgil, Maurizio Landini, ha fatto sapere che prenderà parte però solo alla riunione di Palazzo Chigi.

Sul tavolo della maggioranza anche la questione Tav. Mercoledì in agenda c’è il voto della mozione cinquestelle contro la realizzazione dell’opera. Per Salvini però “si tratta di un voto contro il Governo”, “ne trarremo le conseguenze”, dice il leader leghista.

“Quell’opera è uno spreco, un danno dal punto di vista ambientale e un favore alla Francia. Un accordo fatto da politici incapaci. Il Parlamento è il luogo che ha approvato l’accordo internazionale e in quanto organo sovrano deciderà con tranquillità”, risponde il ministro Danilo Toninelli. Ma rassicura: “Il governo non cadrà.

Salvini minacci chi vuole, ma la mozione impegna il Parlamento in quanto organo che ha approvato l’accordo internazionale e non il governo”. Sullo sfondo resta la questione della nomina del commissario Ue: “Abbiamo dato i nostri nomi – dice Salvini -, se ne sta occupando il presidente del Consiglio”.

La settimana dovrebbe concludersi con l’ultimo Consiglio dei Ministri prima di Ferragosto, in programma per giovedì 8 agosto. (Italpress)

Articoli correlati

Dallo scontro alla distensione

Antonio Falconio

Confindustria di Italia, Germania e Francia: per uscire dall’emergenza i Governi diano risposte ambiziose e solidali

Angelica Bianco

Un Governo assolutamente necessario

Giampiero Catone

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni