mercoledì, 23 Settembre, 2020
Lavoro

Coldiretti e i dati Inail: in agricoltura contagi bassissimi. Nei campi maggiore sicurezza e possibilità di miglior accoglienza

Sponsor

Non sarà un miracolo ma qualcosa dice, dati alla mano, che chi lavora la terra è quasi un miracolato dai contagi da Coronavirus. Ecco i dati: delle 43.399 denunce di infortunio da Covid-19 al lavoro registrate dall’Inail appena lo 0,06% riguarda l’agricoltura dove nelle 730mila imprese italiane non si è peraltro mai smesso di lavorare per garantire le forniture alimentari alla popolazione. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base delle denunce complessive di infortunio pervenute all’Inail tra fine febbraio e il 15 maggio 2020.

“Un risultato che”, sottolinea la Coldiretti, “dimostra il maggior livello di sicurezza nelle campagne dove si lavora spesso all’aria aperta ed è più facile mantenere le distanze grazie ai grandi spazi disponibili. Si tratta di una buona notizia sia per quanti lavorano nelle campagne di raccolta estiva in agricoltura che per chi sceglie di passare le vacanze a contatto con la natura nei 24mila agriturismi italiani”. Un po’ per conforto, un po’ per promozione turistica per la Coldiretti gli agriturismi sono strutture che offrono una maggiore barriera contro i virus, o almeno dice per dimensioni e tipologia ci sono meno contagi.

“Gli agriturismi, spesso situati in zone isolate della campagna in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all’aperto, sono forse”, sottolinea la Coldiretti, “i luoghi dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche e con l’arrivo della bella stagione sostenere il turismo in campagna significa evitare il pericoloso rischio di affollamenti al mare o nelle città”. Interessante inoltre la gestione della quarta vena per i lavoratori stagionali.

“I dati dell’Inail”, continua la Coldiretti, “aprono anche la strada alla disciplina della quarantena attiva per consentire ai lavoratori provenienti dall’estero di collaborare immediatamente in azienda tenendosi separati dagli altri dipendenti”. “Una soluzione che”, conclude la Coldiretti, “consente di garantire professionalità ed esperienza alle imprese agricole italiane grazie al coinvolgimento temporaneo delle medesime persone che ogni anno attraversano il confine per un lavoro stagionale per poi tornare nel proprio Paese”.

Articoli correlati

Coldiretti: incentivi per 650 mila agricoltori. Benefici per coloni, mezzadri e imprese famigliari

Maurizio Piccinino

Xylella: Coldiretti, in Puglia produzione olio crollata del 70%

Redazione

Povertà, 3,7 milioni di italiani a rischio pasti

Maurizio Piccinino

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni