sabato, 19 Settembre, 2020
Economia

Istat: industria, a marzo prezzi produzione in calo

Sponsor

A marzo, secondo i dati Istat, i prezzi alla produzione dell’industria registrano una diminuzione dell’1,0% sul mese precedente e del 3,6% su base annua. Sul mercato interno i prezzi segnano un calo congiunturale dell’1,3% e una flessione tendenziale del 4,9%. Al netto del comparto energetico, i prezzi alla produzione dell’industria non variano su base mensile mentre crescono dello 0,4% su base annua.

Sul mercato estero i prezzi alla produzione dell’industria diminuiscono dello 0,5% rispetto al mese precedente (variazione nulla per l’area euro, -0,8% per l’area non euro) e dello 0,1% rispetto a marzo 2019 (-0,3% per l’area euro, variazione nulla per l’area non euro).

Nel trimestre gennaio-marzo 2020 l’Istat stima un calo congiunturale dei prezzi alla produzione dell’industria dell’1,0% sul trimestre precedente; la dinamica congiunturale dei prezzi è negativa sul mercato interno (-1,2%) mentre resta invariata su quello estero. A marzo, fra le attività manifatturiere, gli incrementi tendenziali più elevati si registrano sul mercato interno per industrie alimentari, bevande e tabacco (+2,4%), sul mercato estero per computer, prodotti di elettronica e ottica (+1,8% per l’area euro, +6,5% per l’area non euro).

Drastici cali su base annua si rilevano per coke e prodotti petroliferi raffinati sul mercato interno (-17,8%) e sul mercato estero area non euro (-25,2%); ampie flessioni tendenziali, ma di minore entità, si riscontrano su tutti e tre i mercati per metallurgia e fabbricazione dei prodotti in metallo (-1,4% mercato interno, -3,2% area euro, -1,6% area non euro). A marzo l’Istat stima che i prezzi alla produzione delle costruzioni per edifici residenziali e non residenziali diminuiscano dello 0,1% sul mese e crescano dello 0,1% sull’anno. I prezzi di strade e ferrovie non variano in termini congiunturali mentre aumentano dello 0,6% in termini tendenziali. (Italpress)

Articoli correlati

All’Italia servono scelte responsabili e durature

Giampiero Catone

Nel 2017 economia sommersa e illegale vale 12,1% del pil

Redazione

Turismo di lusso in disfatta. Federalberghi e Gruppo Alberghiero SHG: 5.7 miliardi in meno per crollo di presenze

Angelica Bianco

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni