mercoledì, 27 Maggio, 2020
Lavoro

Medici, bonus di mille euro al mese per i liberi professionisti

Sponsor

L’avviso dell’approvazione ministeriale apparirà nella Gazzetta ufficiale nei prossimi giorni. Ma di certo L’Enpam (L’Ente previdenziale dei medici e odontoiatri liberi professionisti) comincerà a pagare il bonus di mille euro mensili ai camici bianchi che fanno libera professione già dalla prossima settimana.

La Cassa di previdenza, che aveva deliberato la misura il 26 marzo scorso, ha infatti ricevuto ora l’ok da parte dei ministeri vigilanti.

“A differenza dei 600 euro statali”, sottolinea l’Ente di previdenza, “quest’aiuto è completamente a carico dell’ente previdenziale dei medici e dei dentisti. Il bonus è destinato a tutti quanti hanno avuto un calo di almeno un terzo del fatturato ed è cumulabile con l’indennizzo pubblico”. Di fronte agli studi chiusi e ai mancati introiti l’ente di previdenza chiederà al Governo un taglio delle tasse, e soprattutto di scongiurare una qualsiasi forma di trattenuta fiscale per le casse erariali. “Ci batteremo ora più che mai per ottenere l’esenzione fiscale come avviene per gli indennizzi statali”, dice il presidente dell’Enpam Alberto Oliveti, “Intervenendo a favore dei medici e degli odontoiatri messi con le spalle al muro dal Covid-19, di fatto ci facciamo carico di una funzione di sostegno che spetterebbe allo Stato; se in più finissimo per dover fare una trattenuta del 20 per cento per riversarla all’Erario sarebbe il colmo. Al Governo chiediamo una norma precisa che scongiuri questo prelievo sulla solidarietà ai camici bianchi”.

Il bonus di mille euro potrà essere erogato per tre mesi, raggiungendo quindi la somma totale di 3mila euro. Sono già oltre 57mila i medici e gli odontoiatri che ne hanno fatto richiesta, ma sono attese altre decine di migliaia di domande. L’avviso dell’approvazione ministeriale apparirà nella Gazzetta ufficiale nei prossimi giorni.

Nel frattempo l’Enpam si prepara a varare delle misure integrative a favore dei pensionati che continuano a versare i contributi sulla libera professione e per permettere anche gli iscritti in ritardo con i contributi di ricevere gli aiuti.

Articoli correlati

La beffa del Cura Italia: gli ultimi resteranno ultimi

Giampiero Catone

Covid-19: Io, guarita, vi racconto il mio incubo

Carmine Alboretti

Geopolitica delle emozioni e delle illusioni: now you see me

Tommaso Paparo

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni