giovedì, 30 Maggio, 2024
Geopolitica

Putin vuole spopolare l’Ucraina

La seconda città dell’Ucraina, Kharkiv, rischia di diventare una “seconda Aleppo” a causa dell’ondata di attacchi aerei russi, ha avvertito il sindaco di Kharkiv, Ihor Terekhov che, in una recente intervista, ha anche affermato come, a meno che l’Ucraina non riceva urgentemente ulteriori difese aeree dai partner del Paese, Kharkiv subirà la stessa sorte della città siriana, che fu parzialmente distrutta quasi dieci anni fa in seguito ai pesanti bombardamenti da parte delle forze governative russe e siriane.

Terekhov è l’ultima di una serie di voci di alto profilo a lanciare l’allarme sulla situazione sempre più terribile a Kharkiv e dintorni. Situata nell’Ucraina orientale, vicino al fronte e a sole trenta miglia dal confine russo, la città è stata l’obiettivo principale di una nuova offensiva aerea russa che sembra progettata per spopolare gran parte dell’Ucraina. Il Cremlino vuole rendere invivibile la seconda città dell’Ucraina.

Gli attacchi russi contro le infrastrutture civili e i quartieri residenziali di Kharkiv sono aumentati drammaticamente negli ultimi mesi, uccidendo decine di persone e lasciando i circa 1,3 milioni di residenti della città con un accesso spesso sporadico all’elettricità. Un’ondata di bombardamenti russi il 22 marzo si è rivelata particolarmente dannosa, distruggendo le due principali centrali elettriche di Kharkiv e la rete di sottostazioni con una mossa calcolata per far precipitare la città nell’oscurità.

Ospedali, aziende e proprietari di case si stanno ora affrettando per mettere in sicurezza generatori e altre fonti di energia alternative in previsione di ulteriori blackout, con i bambini costretti a studiare online o in aule sotterranee improvvisate. Per ora, la maggior parte dei residenti di Kharkiv sembra intenzionata a restare. Tuttavia, se la situazione non migliorerà nei prossimi mesi, potrebbe verificarsi un esodo di massa in vista della stagione invernale. In effetti, molti temono che senza difese aeree rafforzate, le condizioni all’interno della città potrebbero diventare intollerabili molto prima.

La distruzione di Kharkiv costituirebbe certamente un grave crimine di guerra, ma sarebbe tutt’altro che senza precedenti. Al contrario, lo spopolamento metodico della seconda città dell’Ucraina sarebbe assolutamente in linea con le tattiche distruttive impiegate dalla Russia fin dall’inizio dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina, più di due anni fa.

Da Mariupol a Bakhmut, l’esercito russo ha ridotto in macerie un lungo elenco di paesi e città ucraine mentre avanzava lentamente lungo le linee del fronte di guerra, in gran parte statiche. Sebbene non sia possibile determinare con precisione il numero delle vittime nelle aree attualmente sotto occupazione russa, si ritiene che decine di migliaia di civili ucraini siano stati uccisi nella sola Mariupol.

Nonostante la regione di Kharkiv sia stata la più colpita, la recente escalation dei bombardamenti russi ha avuto un impatto sull’intero Paese, con attacchi alla rete elettrica in particolare, creando sfide senza precedenti per l’intero settore energetico ucraino. Questo sembra essere il risultato di un’ampia pianificazione di Mosca, con i vertici militari russi che hanno imparato importanti lezioni dal fallimento dell’offensiva di bombardamento delle infrastrutture energetiche dell’inverno 2022-23.

“Invece di continuare a concentrare i propri attacchi sui sistemi di trasmissione dell’Ucraina, la Russia ha iniziato a lanciare massicci attacchi alle nostre infrastrutture di produzione di energia”, ha detto alla CNN l’amministratore delegato del fornitore di energia ucraino DTEK, Maxim Timchenko. “Sfortunatamente, il nemico ha evoluto le sue tattiche e utilizza armi ad alta precisione. Il risultato è un enorme aumento della sua efficacia distruttiva rispetto al 2023”.

La tempistica dell’attuale campagna di bombardamenti suggerisce anche che Mosca sta cercando di trarre vantaggio dalle crescenti lacune nelle difese aeree dell’Ucraina. Con il pacchetto di aiuti vitali che è rimasto bloccato dal Congresso degli Stati Uniti per più di sei mesi, l’esercito ucraino sta soffrendo una vasta gamma di carenze, non lasciando ai comandanti di prima linea e agli equipaggi della difesa aerea altra scelta se non quella di razionare le scorte di munizioni in diminuzione.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Continua la danza macabra dei generali russi. Un uomo solitario al comando

Giuseppe Mazzei

Amnesty International. Diritti umani sacrificati per difendere altri interessi

Cristina Calzecchi Onesti

Guerra. Effetti collaterali: costo 24 mld. Mille euro per famiglia

Maurizio Piccinino

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.