mercoledì, 29 Maggio, 2024
Europa

Se Usa e Cina governano il mondo

La Cop28 era destinata al fallimento se non fossero intervenuti i delegati di Biden e Xi Jinping che hanno, di fatto, imposto un accordo che sembrava impossibile. È un segnale importante. In un mondo che sembra andare in frantumi, vedere le due superpotenze che trovano un’intesa su un problema planetario e, col loro prestigio, convincono anche i più riottosi ad accettarla lascia ben sperare. Verrebbe da chiedersi perché Washington e Pechino non trovino il modo di accordarsi anche su altre questioni strategiche per rimettere un po’ di ordine e assicurare all’umanità un periodo di pace proprio mentre rullano i tamburi di conflitti un po’ dappertutto che fanno parlare di una terza guerra mondiale a puntate. Nella recente visita a San Francisco Xi ha detto che “Il pianeta è abbastanza grande perché i due Paesi abbiano successo”. I due Paesi non i tre Paesi. Perchè ormai la Russia, con la scellerata aggressione all’Ucraina, si è condannata all’irrilevanza nel domino mondiale. Mosca rimane una superpotenza nucleare, ma sul piano economico è un gigante d’argilla e su quello diplomatico è sempre più ininfluente e isolata. Stati Uniti e Cina non hanno avuto negli ultimi anni rapporti sereni. La postura espansionistica voluta da Xi ha costretto l’America a correre ai ripari. Le continue minacce su Taiwan non sono proprio un segnale di moderazione. Ma alcuni sintomi di indebolimento del Dragone potrebbero forse indurre Xi a migliori consigli, rinunciando all’idea di volersi sostituire agli Usa come perno degli equilibri mondiali e accettando di competere correttamente collaborando costruttivamente con gli Stati Uniti sulle grandi questioni mondiali. Un mondo bipolare, in cui Occidente e Cina si rispettino reciprocamente e tengano a bada le teste calde non sarebbe poi così così male.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

“Diritto all’odio” o dovere di combatterlo?

Giuseppe Mazzei

Meloni-Trudeau: “Nuova era tra Italia e Canada”. Evitare le guerre

Antonio Gesualdi

Nuovo certificato digitale Covid prorogato di un anno

Gianmarco Catone

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.