giovedì, 29 Febbraio, 2024
Economia

Ruffini: “L’Agenzia delle Entrate non vuole perseguitare nessuno”

Il vice Ministro all’Economia Leo: “La riforma sulla delega fiscale entro la pausa estiva”

Diciamoci la verità. L’Agenzia delle Entrate è probabilmente uno degli incubi maggiori degli italiani. Ricevere da questo ente pubblico una qualche comunicazione equivale, quasi sempre, a dover metter mano nel proprio portafoglio per pagamenti cui non si è adempiuto, soprattutto dal punto di vista fiscale. Ma il lavoro è lavoro e la struttura che dipende dal Ministero dell’Economia non fa altro che svolgere i propri compiti. E ieri il Direttore Ernesto Maria Ruffini ha voluto rimarcare proprio questo aspetto, spiegando che l’Agenzia delle Entrate è al fianco dei cittadini che vogliono continuare ad avere un corretto rapporto con il fisco e assicurare da parte di tutti il pieno e leale rispetto delle regole fiscali: “Perché questo deve essere chiaro: il contrasto all’evasione non è volontà di perseguitare qualcuno. L’Agenzia è una amministrazione dello Stato, non un’entità belligerante”. Secondo Ruffini pagare le tasse è un fatto di giustizia nei confronti di tutti coloro (“e sono la stragrande maggioranza”) che lo fanno anche al costo di fare sacrifici per via di una innegabile pressione fiscale.

Venti miliardi dall’evasione

Il Direttore nel corso della settima tappa dell’evento ‘Facciamo l’Italia’ ha poi sottolineato, con orgoglio, che l’Agenzia nel 2022 ha recuperato oltre 20 miliardi dall’evasione: “Il più importante risultato di sempre”. Un altro fronte particolarmente rilevante è l’attività antifrode “perché – ha spiegato Ruffini – è principalmente con questo genere di illeciti, quasi sempre attraverso schemi anche transnazionali molto complessi, che vengono  sottratte risorse alla collettività. Stiamo parlando di 9,5 miliardi di euro che siamo riusciti a intercettare”.

Presente al convegno, anche il vice Ministro all’Economia Maurizio Leo, che è andato subito al sodo sulla lotta all’evasione: “La faremo in modo efficace, ma con strumenti nuovi, con la fattura elettronica e anche l’intelligenza artificiale, per dire al contribuente quale è il suo reddito senza fare sconti a nessuno”. Il numero due di via XX Settembre ha poi parlato della delega fiscale che ha come fine quello di pervenire all’applicazione di un’unica aliquota proporzionale di tassazione dei redditi derivanti dallo svolgimento dell’attività d’impresa: “È importante perché è una delle riforme più sentite dei cittadini e su cui il governo punta molto. Abbiamo già passato il giro di boa della Camera, siamo confidenti di portare a casa il risultato prima della pausa estiva”.

Fratelli d’Italia risponde a Salvini

Intanto se il leader della Lega Matteo Salvini continua a insistere sulla pace fiscale, altrettanto non si può dire di Fratelli d’Italia, che tramite il Capogruppo alla Camera Tommaso Foti ha fatto intendere di non essere convinta nel perseguire questa idea: “In genere si parla di atti che esistono. Di buone intenzioni è lastricata la via dell’inferno. Nel momento in cui delle proposte verranno avanti, le si guarderà per quello che sono. Se si vuole c’è il Consiglio dei Ministri e il Parlamento per discuterne”, le lapidarie parole.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Un fisco per la crescita, semplice ed equo? Si può… ma

Paolo De' Capitani di Vimercate

Perugia-Assisi. In 10 mila alla marcia per la pace

Francesco Gentile

Nel principio del bene

Maria Sole Sanasi d'Arpe

un commento

Giuseppe Ferlaino mercoledì, 9 Agosto 2023 at 21:11

Buonasera,
Ho quasi 73 anni, nel 2017 ho scoperto che 2 ex miei soci commettevano illeciti tributari, ho denunciato i fatti a procura della repubblica e gdf, dopo 2 anni ricevo cartelle esattoriali bestiali da parte di agenzia entrate per gli stessi illeciti che denunciai, ho quindi fatto ricorso, in appello ma la sentenza della agenzia è stata confermata anche se la procura della repubblica mi ha totalmente scagionato per estraneità ai fatti, la procura ha scritto un secondo documento che mi scagionava nuovamente questa volta con conferma anche del giudice ma, peggio ancora l’agenzia non tiene conto e nemmeno cita o vengono considerate le dichiarazioni scritte ufficiali di procura e del giudice in pratica sembra che sia in corso una persecuzione contro il sottoscritto per avere denunciato gli illeciti ! Ma chi è l’agenzia delle entrate ? un ente superiore e oltre la legge ? Perché mi succede questo ? Ho sempre fatto il mio dovere, siamo in una grande nazione con 3 mila anni di storia e cultura superiore, perché succedono questi fatti ? Qualcuno mi può gentilmente rispondere ? Grazie

Rispondi

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.