sabato, 25 Maggio, 2024
Agroalimentare

Giansanti (Confagricoltura): manodopera nei campi, urgente definire nuovi ingressi

Servono norme semplici e triennali

Un iter snello, in un arco temporale triennale, le necessità di manodopera stagionale. Sono le richieste in parte esaudite della Confagricoltura che sottolinea come per le l settore agricolo non bastano più le attese, serve manodopera. Un passo avanti si è fatto con il decreto del presidente del consiglio dei ministri con la “Programmazione dei flussi d’ingresso legale in Italia dei lavori stranieri per il triennio 2023-2025”, che era stato fortemente voluto da Confagricoltura.

Le difficoltà delle imprese

La difficoltà a recepire manodopera semplice e quella qualificata per il lavoro nei campi è un problema diffuso che mette in forte difficoltà le imprese.
“È nel nostro settore, ormai in forma endemica”, ricorda la Confederazione, “che si registra grande difficoltà a reperire manodopera disponibile e adeguatamente qualificata. La componente di lavoratori stranieri nel comparto presenta un’incidenza superiore a tutti gli altri settori produttivi”.

La crisi della manodopera

La Confederazione spiega con i numeri lo stato delle difficoltà. “Nelle campagne italiane”, sottolinea la maggiore organizzazione datoriale, “erano, al 2021, 1.072.078 i dipendenti. Quasi un terzo dei lavoratori è straniero e rappresenta il 32% del totale degli operai agricoli in Italia. Continua a cambiare anche la geografia di provenienza: aumentano gli extracomunitari, in particolare indiani, albanesi e marocchini. Confagricoltura è soddisfatta per l’opportunità di programmare, auspicando con un iter snello, in un arco temporale triennale, le necessità di manodopera stagionale”.

La richiesta a fare presto

Il primo passo del Governo per ampliare la platea dei lavoratori è stata ben accolta ora per la Confederazione bisogna fare di più. “Abbiamo apprezzato”, fa presente il presidente dell’Organizzazione, Massimiliano Giansanti, “l’approvazione di questo decreto flussi integrativo, che permetterà l’ingresso di altre 40 mila unità, come avevamo richiesto, interamente destinata agli ingressi per lavoro stagionale nei settori agricolo e turistico-alberghiero, a valere sulle domande già presentate nel click-day del 27 marzo scorso. Contiamo ora sulla definitiva e veloce adozione del provvedimento”, conclude Giansanti, “le colture nei campi non possono aspettare”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Rilettura di un classico di destra

Maurizio Merlo

Confcommercio: tantissime criticità nel regolamento europeo sugli imballaggi

Ettore Di Bartolomeo

Elogio dell’Eclettismo

Maurizio Merlo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.