giovedì, 26 Gennaio, 2023
Esteri

Afghanistan: Guterres chiede la revoca del divieto di istruzione alle donne

È il momento di porre fine a tutte le leggi e pratiche discriminatorie che ostacolano l’accesso all’istruzione delle donne in Afghanistan. Lo ha ribadito il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, che in occasione della Giornata mondiale dell’istruzione è tornato a chiedere ai talebani di revocare l’oltraggioso e controproducente divieto di accesso all’istruzione secondaria e superiore alle ragazze del Paese.

Il Governo Afghano aveva interrotto mesi fa “fino a nuovi ordini” l’accesso delle donne a tutte le università, private e pubbliche del Paese. La vita per le donne è ogni giorno più difficile da quando nell’agosto 2021 i talebani hanno conquistato il potere. L’istruzione femminile è vietata dopo le elementari, dai 6 ai 12 anni, le università pubbliche inaccessibili e per le ragazze restavano solo gli atenei privati, con classi separate.

I talebani promisero di essere più flessibili, ma di fatto sono tornati in gran parte all’interpretazione ultra-rigorosa dell’islam che aveva segnato il loro primo periodo al potere, fra il 1996 e il 2001. Le misure liberticide si sono moltiplicate in particolare nei confronti delle donne che sono state progressivamente escluse dalla vita pubblica e dall’istruzione.

Sponsor

Articoli correlati

Alessia Cotta Ramusino: “Musica come messaggio sociale contro la violenza sulle donne” Arte ed emozioni si fondono

Angelica Bianco

Imprese femminili, recupero lento ma più solido dopo la pandemia

Angelica Bianco

Difesa: incontro bilaterale Italia-Regno Unito su Ucraina, Onu e Nato

Marco Santarelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.