sabato, 13 Luglio, 2024
Politica

Il governo “futurista” di Meloni. Per non tirare a campare

Nel suo 46° compleanno il Presidente del Consiglio promette: "Non voglio deludere chi ha creduto in me"

Cosa ha in comune Giorgia Meloni con Giulio Andreotti? Il segno zodiacale del Capricorno: lei è nata il 15 di gennaio, lui nacque il 14. Ma la tempra è diversa. Andreotti, il 17 febbraio del 1991, quando guidava il suo ultimo Governo, rispondendo a Ciriaco De Mita che voleva le elezioni anticipate, sentenziò: “Meglio tirare a campare che tirare le cuoia”. Meloni è di avviso contrario e lo ha fatto capire ieri spegnendo le candeline. Vuole andare avanti per 5 anni ma alle sue condizioni, senza vivacchiare, senza cedere alla tentazione di restare al potere per il potere, senza nulla concedere ai giochetti di Palazzo. Non c’è che dire. Davvero audace e lodevole proposito.

Perché, a parte rare eccezioni, quasi tutti i governi in Italia finiscono prima o poi per diventare vittime dei rituali tribali dei partiti che li sostengono. Anche quelli nati con ottime intenzioni e maggioranze di ferro, nel volgere di qualche mese sono sprofondati nelle sabbie mobili delle mediazioni infinite, degli sgambetti e dei ricatti dei partiti della coalizione con l’esito peggiore di tutti: il non-governo.

Insomma la lezione di una settantina di esecutivi in 77 anni di Repubblica è chiara: il Presidente del Consiglio deve temere più il fuoco amico della sua maggioranza che gli strali dell’opposizione.

Meloni lo sapeva, ma dopo al vicenda delle accise lo ha capito ancora meglio: la priorità per Berlusconi e Salvini è risollevare i loro partiti dal tonfo elettorale. Serve cavalcare temi populistici per ottenere questo risultato, anche andando contro la linea del Governo? E che problema c’è, loro non se ne fanno scrupolo.

Sul mancato taglio delle accise Meloni ha fatto una scelta realistica sicura di essere spalleggiata da Forza Italia e Lega che invece l’hanno lasciata sola alla mercé delle opposizioni.

La scena si ripeterà? Non si può escludere, visto che Meloni sta facendo di tutto per attuare una politica che non scassi i conti dello Stato e non ceda a richieste mirabolanti. Il messaggio di Berlusconi e Salvini è chiaro e ci sembra questo: ci teniamo la libertà di criticarti anche se non ti togliamo i voti che ti servono per andare avanti. Il messaggio di Meloni è ancora più chiaro: voglio governare seriamente e non farmi paralizzare da niente e da nessuno. Insomma non voglio tirare a campare…. Fatevi un po’ di conti pure voi

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Pil: il Sud va meglio di Francia e Germania. 270 miliardi dallo Stato

Paolo Fruncillo

Israele. Governo compatto: “Stato palestinese, no a diktat”

Antonio Gesualdi

Draghi: “Il governo non rischia”. Chi parla male di Conte?

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.