domenica, 14 Agosto, 2022
In punta di penna

Troppi inceneritori a Roma!!

C’è l’inceneritore politico, che incendia il Governo Draghi, perché non vuole il termovalorizzatore di Roma. C’è l’inceneritore mascalzone che getta mozziconi di sigaretta e manda in fumo ettari di parchi della Capitale. C’è l’inceneritore  legato alla mafia dei rifiuti che vede sfumare tra qualche anno il business della “monnezza” e dà fuoco a discariche, cumuli di sacchetti e sfasciacarrozze.

L’unico inceneritore che serve lo vedremo forse fra 4 anni… Nel frattempo Roma brucerà. Di rabbia.

Sponsor

Articoli correlati

Coronavirus, nel Lazio per attività wellness perdite da 57 milioni

Redazione

“Niente nuove tasse sulla casa”. Draghi smonta Salvini. La crisi è più di nervi che di governo

Giuseppe Mazzei

Il Sistema Cultura merita supporto a livello territoriale e misure ad hoc

Rosaria Vincelli

Lascia un commento