sabato, 20 Aprile, 2024
Politica

Centrodestra: uniti e vincenti

Bandiere del Centrodestra si agitano sotto il cielo di una Roma primaverile, sul palco allestito a Piazza San Giovanni, ecco schierati i big: Salvini, Berlusconi e Meloni, si alternano a infiammare la vastissima platea che risponde con slogan, e applausi, – Matteo Salvini, fa il pieno di battimani e selfie – mentre tutte le bordate di fischi sono indirizzate agli ex alleati Conte e Di Maio e ai nemici di sempre, ossia il Pd e al suo segretario, Nicola Zingaretti.

Sotto il mega palco si agita irrequieto il popolo del Centrodestra e tra loro i deputati, amministratori regionali e comunali. La Discussione ha raccolto commenti di parlamentari ed esponenti locali. Tutti naturalmente sentono un’aria di vittoria e di rivalsa verso 5s e Pd.

E Matteo Salvini annuncia: “Non sarà un pomeriggio di rabbia. Lo dico soprattutto agli amici giornalisti. Qui c’è l’Italia che lavora, l’Italia vera”.

Ed è subito feeling con il popolo del Centrodestra.

A Silvio Berlusconi il compito di essere il leader anti governo, anti tasse e anti manette. “Siamo qui per dire no al governo delle tasse, delle manette, della burocrazia, del giustizialismo fuori controllo. Siamo qui per mandare a casa un governo non eletto dagli italiani”, arringa il leader di Forza Italia che riceve l’ovazione della folla. La parte anti immigrati tocca, invece, a Giorgia Meloni che raccoglie in questo senso l’eredità Salviniana.

“Se servono i muri si costruiscono”, propone la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, “io voglio un governo che dica no all’immigrazione clandestina. Se servono i muri si costruiscano, se servono i blocchi navali si faranno i blocchi”. Per Meloni sono applausi e tam tam di approvazione.

A fargli eco, la capogruppo di Forza Italia, Annamaria Bernini: “La piazza di oggi sgombra il campo da equivoci, tatticismi, distinguo di Palazzo. Da oggi è chiaro: esistono due Italie. Una è l’Italia dell’odio sociale, della tassazione compulsiva, dei sussidi a pioggia coi soldi di chi lavora. E poi c’è l’Altra Italia, l’Italia di piazza San Giovanni: l’Italia che produce, l’Italia delle famiglie e delle imprese che chiedono solo di essere lasciate libere di costruirsi un futuro, l’Italia del merito e della persona. L’alternativa tra queste due Italie è radicale. Nasce oggi il nuovo bipolarismo: il fronte dei tassatori manettari, che è il vero punto d’incontro tra Pd e Cinque Stelle, contro il fronte della libertà. Come sempre, Forza Italia resta indispensabile perché l’alternativa al malgoverno delle sinistre diventi alternativa di buongoverno”.
E continua “qui c’è il vero centrodestra, per chi non c’è è davvero un’occasione perduta.”

In prima fila i parlamentari della lega. “La Lega e il Centrodestra sono modelli che risultano vincenti ed è stato dimostrato. La coalizione al momento è data al 44% , quindi il centro destra unito è vincente ovunque”, dice a voce alta per sovrastare il vociare della piazza, Giuseppe Bellachioma parlamentare leghista, “il mio partito la Lega è trainante e continuerà ad essere un punto di forza. Credo che il modello così fatto porterà la vittoria anche in Umbria ed a nulla varrà il tentativo di 5S e Pd di contrastare la nostra coalizione”. Bellachioma già vede la fine del contestato governo Giallo-Rosso “Hanno dimostrato di scricchiolare, e gli italiani hanno già compreso che questa manovra economica è restrittiva fatta solo di manette e tasse”.

Tra la folla c’è il senatore di Forza Italia, Nazario Pagano, che rivendica per Berlusconi la coerenza di essere rimasto nel Centrodestra, nel voler credere nella alternativa al Pd e si 5s: “Berlusconi ha fondato il centro destra, e resta coerente con la sua impostazione che è alternativa alla sinistra”, scandisce le parole Pagano per dare più incisività al suo ragionamento, “Berlusconi non tradisce il messaggio né gli accordi politici Nazionali, regionali e degli enti locali, blindandone i risultati”. Pagano taglia corto su eventuali accordi o intese tra Forza Italia e Renzi. “Alcuni aspetti simili a livello di programmi che ci sono”, dice Pagano, “con Matteo Renzi non bastano per tradire una coerenza cui gli italiani sono abituati da 25 anni”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Meloni-Von der Leyen. Faccia a faccia su migranti, energia, Piano di ripresa

Maurizio Piccinino

Marco Betta nuovo sovrintendente del Teatro Massimo di Palermo

Angelica Bianco

La protesta fa paura, Bruxelles ritira regolamento sui pesticidi

Stefano Ghionni

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.