giovedì, 27 Gennaio, 2022
Economia

Confesercenti: energia, smartworking e lockdown, 6,4 miliardi di euro di spesa in meno

La nuova corsa dei prezzi degli energetici, la variante Omicron e i maggiori costi delle bollette portano indietro di sei mesi le lancette della ripresa. “Il nuovo rallentamento innescato dalla quarta ondata e
dall’aumento dei prezzi dei beni energetici potrebbe mettere a rischio, nel solo primo trimestre del 2022, circa 6,4 miliardi di euro di spesa”.

È la previsione a tinte fosche della Confesercenti che teme una stangata che riprecipiterebbe i consumi ai livelli del secondo trimestre dello scorso anno. “Cancellando di fatto tutta la ripresa maturata nella
seconda parte del 2021 e spostando dalla fine del 2023 all’inizio del 2024 il recupero dei livelli pre-pandemici”, sottolinea la Confederazione.

Smartworking e consumi

A mettere a rischio i consumi è in primo luogo il combinato disposto dell’aumento dello smartworking e della frenata del turismo, che potrebbe portare a 3,1 miliardi di euro di minori introiti nel trimestre
per la mancanza dei viaggiatori stranieri e per i mancati consumi dei lavoratori nei pubblici esercizi. “Un colpo che potrebbe mettere a rischio nel turismo e nella somministrazione 35mila attività e 200mila
lavoratori”, calcola la Confesercenti, “Ma l’effetto della quarta ondata si sente anche nel mercato domestico: 1,7 miliardi di euro di consumi in meno nel trimestre sarebbero causati, infatti, dalle restrizioni
amministrative e dall’aumento dello smartworking, ma anche direttamente dall’incremento dei malati, delle quarantene e delle persone in isolamento”

Lockdown selettivo

Per gli esercenti un danno ulteriore arriva da un ‘lockdown selettivo’ che riguarda attualmente 2,2 milioni di persone e che ha come conseguenza anche la riduzione delle ore lavorate, con un forte impatto
sull’organizzazione delle imprese: “Molte, soprattutto tra quelle meno strutturate, sono costretti a rimanere chiuse o ad orario ridotto per assenza di personale. Ma pesano anche il clima di incertezza e la paura
del virus, che potrebbero far mancare altri 600 milioni di euro di consumi in tre mesi, e la corsa di carburanti, gas ed energia elettrica, che potrebbe costare un miliardo di euro nello stesso periodo.

Moratoria del credito

“Il rallentamento innescato da questa nuova ondata pandemica sta modificando la traiettoria della ripresa, mettendo a rischio il recupero faticosamente conquistato negli ultimi sei mesi dello scorso anno. Le
piccole e medie imprese del commercio, della ristorazione e del turismo che sono tornate drammaticamente a soffrire. È una nuova emergenza”, conclude la Confesercenti, “che richiede un intervento: a partire dal rinnovo delle moratorie sul credito e dal rinnovo degli ammortizzatori
Covid per i dipendenti delle attività colpite”.

 

Sponsor

Articoli correlati

Se il virus infetta la logica

Giuseppe Mazzei

Maggio come Febbraio 2018: Istat torna la fiducia su consumi e produzione

Anna La Rosa

Dpcm. Le ricette della nonna di Conte portano al lockdown natalizio

Fabio Torriero

Lascia un commento