lunedì, 28 Novembre, 2022
Attualità

Pandemia in crescita pericolosa. L’ombra del virus sulla ripresa. Prevale la variante “stupidità”

Intervenire subito per evitare chiusure

Stavolta il virus non ha nessuna colpa. Non è mutato. Gli hanno solo dato la possibilità di circolare liberamente. E lui lo sta facendo alla sua maniera, vorticosa e senza guardare in faccia a nessuno. Se la pandemia riprende  a colpire è solo colpa di miopia, incapacità, irresponsabilità di governanti, classi dirigenti, mezzi di comunicazione. E’ la variante “stupidità” che ha preso il sopravvento sul buon senso e ora minaccia la ripresa economica, tanto agognata, che rischia di frenare proprio mentre cominciava a dare i primi risultati.

 

L’elenco degli errori è infinito. Ci riferiamo innanzitutto a quei Paesi, soprattutto dell’est Europa, che hanno guardato con sufficienza al vaccino e hanno immunizzato fasce minoritarie della popolazione. Perfino un grande Paese come la Russia ha sbgaliato. Il Cremlino che, quando vuole, riesce ad imporre qualsiasi  cosa ai propri cittadini, si è abbandonato al lassismo. Ora hanno ospedali pieni e morti in aumento.

Ma anche in Paesi attenti come la Germania e l’Austria la leggerezza ha avuto la meglio sulla razionalità: e ora si tenta di correre ai ripari con nuovi lockdown.

Non è il caso dell’Italia che, stavolta, insieme a Portogallo e Spagna, si è mossa bene, almeno fino all’estate. Ma non come avrebbe potuto e dovuto.

A settembre, esattamente come l’anno scorso, invece di intensificare le vaccinazioni, i controlli, irrigidire le misure verso chi non intende vaccinarsi anche da noi si è fatto il contrario.

Manifestazioni, autorizzate e non, svolte al di fuori di ogni regola sanitaria, senza che il Ministro dell’Interno intervenisse.

Lassismo generalizzato nei confronti dei no vax e no green pass, assenza di controlli hanno diffuso la sensazione che tanto ormai le regole di potevano violare tranquillamente

I mezzi di informazione hanno continuato e continuano a dare ospitalità a ciarlatani, gentaglia, ignoranti, intellettuali presuntuosi e snob, messi a confronto con luminari della medicina: i primi urlatori di professione che impediscono agli scienziati di parlare, con i conduttori incapaci di intervenire, contenti di aver fatto il solito “casino” che -secondo loro- alza l’audience e le loro retribuzioni.

Ci si è crogiolati su dati che sembravano  accettabili dimenticando che la circolazione del virus va bloccata prima che superi una soglia critica oltre la quale  la cavalcata diventa inarrestabile e si deve ricorrere alle chiusure.

Politici e sindacalisti hanno titillato chi pretendeva di andare a lavorare mettendo a rischio la salute dei suoi colleghi. Nessuno ha pensato che sarebbe stato meglio rendere obbligatorie le mascherine ovunque per frenare il virus che cominciava a diffondersi in maniera esponenziale. Niente. Come l’anno scorso.

Ora la crescita economica rischia di bloccarsi, soprattutto nei settori che avevano sofferto di più: turismo, ristorazione, trasporto aereo, cinema, teatro, musica: avevano scommesso sul controllo della pandemia, investito sperando di recuperare 18 mesi terribili e ora rischiano di dover richiudere i battenti o ridimensionare le attività.

Sanno benissimo con chi devono prendersela. Lo facciano seguendo i metodi democratici. Nel frattempo non resta che trarre un’amara conclusione. L’uomo è un animale razionale? …ma mi faccia il piacere.

Sponsor

Articoli correlati

Coronavirus, 16mila mascherine pronte per pazienti con Sla

Redazione

Figliuolo a Regioni “Incentivare vaccini personale scuola e università”

Gianmarco Catone

Draghi, manovra espansiva. Meno tasse per 12 miliardi. Quota 102 per un anno. Stretta sul RdC. Pensioni, dialogo aperto

Maurizio Piccinino

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.