domenica, 15 Dicembre, 2019
Ambiente Editoriale

L’ambiente malato fa paura

Gli italiani si scoprono ambientalisti e coinvolti nell’allarme globale per il cambiamento climatico. Per una stragrande maggioranza di cittadini, (89%) il riscaldamento della terra, le notizie sullo scioglimento dei ghiacciai, i grandi incendi che devastano l’Amazzonia sono rischi reali che possono portare ad una situazione di non ritorno.

I motivi per cui in Italia si avverte questo clima di emergenza sono molteplici, non è solo una questione di agenda mediatica con titoli di Tg, giornali e approfondimenti su argomenti legati al clima, nella realtà gli italiani sperimentano che il cambiamento – malgrado i dubbi anche di scienziati sui reali effetti dell’uomo sulla natura – si sta traducendo in bombe d’acqua che bloccano città, allagano e spazzano raccolti, in grandinate distruttive di eccellenze agricole, che sfondano in pochi secondi i vetri delle auto, e ancora, buona parte di chi risiede nelle aree collinari e pedemontane si imbatte in frane, in dissesti idrogeologici; nelle città, invece, ci sono giornate di caldo africano con punte di umidità mai viste prima, poi le scarse piogge ma quando arrivano sono una vera minaccia.

A rivelare che i cittadini chiedano una svolta o almeno sono coscienti dei problemi, è un sondaggio commissionato dalla ong ambientalista Hope Not Hate e condotto dalla società Focaldata in 8 paesi del mondo (USA, Regno Unito, Germania, Francia, Italia, Polonia, Canada, Brasile). Quindi siamo all’interno di uno spaccato ampio di Paesi e c’è la concreta sensazione degli intervistati che siamo di fronte
a un’emergenza climatica tale che vanno prese dei provvedimenti subito. Secondo il cittadino comune bisogna ridurre drasticamente le emissioni di gas a effetto serra, altrimenti il riscaldamento globale diventerà estremamente pericoloso.

Nel sondaggio, inoltre, si traducono in numeri l’esperienza reale così l’85% concorda sul fatto che l’Italia stia già all’interno di fenomeni estremi con ondate di caldo, con il susseguirsi di siccità e alluvioni. Il risvolto di questa costante sensazione di pericolo è la richiesta alla politica e alle istituzioni di intervenire. Il sondaggio infatti riferisce anche che per i cittadini italiani il governo sta facendo poco o comunque non abbastanza per fronteggiare un pericolo così vasto.

Addirittura le persone (il 64%%) sarebbero orientate a votare il candidato di un partito di chiara matrice ambientalista, che però dichiari e realizzi azioni concrete contro le emissioni di gas, di sostanze inquinanti nell’ambiente. Fin qui i sondaggi, tuttavia, cambiare stili di vita, non è affatto facile e scontato: c’è chi ricorda che molte manifestazioni si svolgono in grandi e confortevoli città ma non nella foresta amazzonica, che mostrarsi green fa tendenza e moda, che in un anno sono nati 13 mila prodotti commerciali definiti bio ma nessuno poi degli acquirenti controlla o si interessa della filiera di qualità. In parole povere essere ambientalisti a costo zero non crea fatica e rinunce ed è una posa che oggi da consenso al di là della comprensione reale e soluzione dei problemi.

Il tema dei ragazzi, tuttavia, che si dichiarano tutori dell’ambiente è di grande attualità, stando ad una indagine condotta dall’Osservatorio giovani dell’Istituto Giuseppe Toniolo, – con il sostegno di Fondazione Cariplo e di Intesa Sanpaolo, su un campione di 2000 giovani nati tra il 1982 al 1997 – la salvaguardia del patrimonio naturale del pianeta e i rischi dei cambiamenti climatici sono al centri dell’interesse dei giovani. L’81,8% si dice disposto a cambiare le proprie abitudini per ridurre l’impatto dei cambiamenti climatici sul pianeta, mentre l’82% dice di essere disponibile a ridurre al minimo gli sprechi dall’acqua alla luce, dalla plastica al cibo.

Dall’indagine, infatti, emerge che il 70 % cerca di scegliere prodotti di aziende impegnate nella salvaguardia dell’ambiente e, ancora, l’85,35% si impegna nel fare la raccolta differenziata dei rifiuti. Altro aspetto interessante è il 60% dei giovani convinto che la salvaguardia dell’ambiente investa direttamente ogni singolo cittadino, quindi una responsabilità non solo collettiva ma soprattutto personale.

Related posts

20 luglio, il giorno in cui la Terra “girò” intorno alla Luna

Redazione

Coldiretti: dal Sinodo lezione per salvare il pianeta

Maurizio Piccinino

Rischio asteroidi, nuovo allarme

Maurizio Piccinino

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni