venerdì, 19 Agosto, 2022
Attualità

Confesercenti, spiagge in ripresa, città d’arte vuote. Alberghi in difficoltà

Il caldo rilancia le presenze lungo i lidi e penalizza le città. Per la Confesercenti la prima settimana di afa ha ridato vita e turisti alle spiagge, e procurato un deserto – o quasi – nelle città d’arte. “Le previsioni meteo favorevoli danno una spinta al turismo: per questo weekend, il primo ‘caldo’ della stagione, strutture ricettive e locazioni turistiche dovrebbero registrare 700mila presenze”, calcola la Confederazione, “Un’accelerazione incoraggiante, che però esclude le mete culturali e mette sempre più in crisi la ricettività: nelle città d’arte 4mila imprese tra b&b e piccoli alberghi hanno rinunciato ad aprire per mancanza di domanda”. Dati e proiezioni emergono da un monitoraggio condotto da Centro studi per Assoturismo Confesercenti.

“Le spiagge si avviano ad essere quasi piene e un po’ di movimento di turisti è atteso anche per le località della montagna e dei laghi, la situazione rimane invece più difficile per le imprese delle città d’arte italiane”, commenta la Confesercenti, “Qui la dimensione della domanda straniera è ancora molto lontana dai livelli pre-covid e soprattutto manca ancora la quota del turismo internazionale a lungo raggio”.

Ad oggi i flussi provenienti da oltre confine sono infatti essenzialmente tedeschi, francesi, svizzeri, austriaci, spagnoli e britannici; ma sul fronte della domanda extraeuropea si registra qualche timido segnale solo per le provenienze dagli USA. La carenza di domanda ha avuto anche un effetto sulle tariffe delle sistemazioni nelle mete culturali: rispetto allo stesso periodo del 2019, si attestano al -15%.

“Questa forte incertezza sui tempi della ripresa dei flussi intercontinentali”, osserva la Confesercenti, “ha spinto numerose imprese ricettive a prolungare la chiusura durante i mesi estivi, soprattutto nelle città caratterizzate da una significativa internazionalizzazione della domanda”. Secondo stime Assoturismo Confesercenti su circa 57 mila strutture ricettive localizzate nelle prime 50 città d’arte italiane (8% alberghiere e 92% extralberghiere), ben 4.000 hanno scelto di non riprendere l’attività nel trimestre estivo 2021 per motivi strettamente gestionali: previsioni di ricavi insufficienti alla copertura dei costi.

“Il riavvio della stagione turistica, fino ad ora, non è stato brillante, anche a causa del meteo. Ora le condizioni migliori danno un po’ più di ossigeno alle località balneari, ma l’assenza di stranieri affonda il turismo delle città d’arte”, commenta il Presidente di Assoturismo Vittorio Messina. “Serve un piano straordinario di intervento per la ripartenza delle grandi mete culturali, che sono quelle che ci caratterizzano nel mondo, con risorse e provvedimenti dedicati che favoriscano un piano di investimenti per una nuova e sostenibile programmazione, che metta finalmente al centro le imprese ricettive alberghiere, fondamentali per la ripresa dell’economia turistica e nazionale”.

Sponsor

Articoli correlati

Palma: Il carcere non sia un tempo vuoto. Sotto i 3 anni misure alternative alle sbarre

Giuseppe Mazzei

Le città d’arte italiane protagoniste dell’autunno

Redazione

Finché c’è Draghi l’Europa chiude un occhio

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento