martedì, 21 Settembre, 2021
Economia

Previsioni rosee per il Pil dell’Italia +4,3% nel 2021 e +4% nel 2022

Le prospettive economiche dell’Italia dipendono dal percorso della pandemia, dall’entità del cambiamento strutturale che introdurrà, nonché dall’efficacia delle politiche economiche e di salute pubblica. La ripresa sarà supportata dalla campagna di vaccinazione in corso e da ingenti investimenti nell’ambito del Pnrr pluriennale del Governo, finanziato principalmente dalle risorse dell’UE di nuova generazione, per aumentare le infrastrutture fisiche e sociali e sostenere le riforme strutturali.

E’ quanto sottolinea il Fondo monetario internazionale, che ha concluso la tradizionale consultazione annuale sull’economia del nostro Paese.

Il Pil dovrebbe rimbalzare al 4,3% nel 2021 e al 4% nel 2022, mentre l’aumento della spesa per investimenti manterrebbe la crescita ben al di sopra della tendenza precedente per i prossimi anni. Tuttavia – osserva il Fmi -, le cicatrici economiche a lungo termine potrebbero essere considerevoli. I rischi riguardano a breve termine la velocità con cui il virus viene sconfitto e l’entità del prelievo di risparmi e, a lungo termine, il mantenimento di condizioni finanziarie favorevoli, l’adeguatezza dell’attuazione del Pnrr e il mantenimento dello slancio politico per le riforme strutturali.

Il Fmi si attende ora che il rapporto tra deficit e Pil si attesti all’11,8% quest’anno e all’8% il prossimo, mentre il rapporto tra debito e Pil è visto salire al 159,9% nel 2021 prima di calare al 157,9% nel 2022.

Sponsor

Articoli correlati

Inefficienze delle Regioni. Rimedi drastici

Domenico Turano

Campioni europei? Se Italia, Germania e Francia…

Giuseppe Mazzei

Globalizzazione o nazionalismi? La scommessa cruciale del dopo Covid

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento