martedì, 30 Novembre, 2021
Economia

La digitalizzazione portata dal Recovery un’occasione di sviluppo per l’Italia

“Il tema della digitalizzazione contenuto nel Recovery Plan può essere una grande opportunità di sviluppo per l’Italia”. E’ quanto afferma in una nota Luigi Capello, Chief Executive Officer di LVenture Group, holding leader negli investimenti di startup digitali.

“Con la consegna all’Ue della prima stesura del piano – continua – l’Italia ha la possibilità di usufruire di oltre 46 miliardi di euro da investire nella digitalizzazione e in quella che è, di fatto, una sfida per la modernizzazione del Paese. È necessario investire negli asset strategici del Paese e puntare sulla digitalizzazione della sanità, della pubblica amministrazione e sul rafforzamento delle digital skills. Un’implementazione fondamentale deve riguardare gli investimenti nella nuova impresa digitale e nelle nuove tecnologie: si tratta di elementi che possono rappresentare un volano economico che avrebbe un respiro duraturo nel tempo e nel futuro, e che consentirebbero in maniera più efficace di accelerare la crescita del nostro Paese”.

“Con questi interventi – aggiunge Capello – che prevedono fra l’altro la semplificazione delle procedure amministrative e la riorganizzazione dei luoghi di lavoro della PA, con la creazione di spazi di coworking e smart working, l’Italia farebbe un balzo deciso nell’era digitale aumentando le opportunità offerte dall’innovazione tecnico-organizzativa. Al fianco della digitalizzazione – conclude – il Recovery Plan prevede diversi interventi infrastrutturali, come il Piano Italia 1 Gbit/s per il completamento del progetto ‘banda ultralarga’ con la copertura in fibra ottica in ambiti pubblici ritenuti strategici come la scuola, la sanità e la cultura e lo sviluppo del 5G in tutto il Paese, che darebbe la possibilità all’Italia di ‘parlarsi’ in rete collegando periferia e centro”.

Sponsor

Articoli correlati

La digitalizzazione è la strada per la ripresa, la lezione di Poste Italiane

Vittorio Zenardi

Livolsi: imprese che innovano ora crescono al nord resilienti. Opzioni fintech? Vince chi interpreta le esigenze dei clienti

Angelica Bianco

Ponte sullo Stretto, dopo il Pnrr si cercano altre strade

Giulia Catone

Lascia un commento