mercoledì, 27 Gennaio, 2021
Politica

Patti e precarietà

Sponsor

Awelco

Sembra più un segno di timore che di stabilità l’improvvisa iniziativa di Zingaretti di firmare con Conte un accordo che impegna le parti ad evitare come la peste qualsiasi rimaneggiamento della compagine di governo, anche nell’ipotesi di un risultato disastroso per l’attuale coalizione nelle ormai imminenti elezioni regionali.

Speriamo, per il senso delle istituzioni che ci viene dall’esperienza democratico cristiana, che questo documento sia allo stesso tempo segno di preoccupazione e di responsabilità, ma temiamo che così non sarà accolto da quanti, nel Pd, puntano al rimpasto né sanerà le divisioni laceranti che emergono nel Movimento 5 stelle.

È infatti proprio nella tumultuante falange pentastellata che si celano i maggiori rischi per la maggioranza e il governo: i fatti più recenti ci dicono che è in forte crisi l’assetto gerarchico basato sul consolato di Grillo e Casaleggio Junior ed è aperta la lotta fra governisti e movimentisti.

A questa area di conflitto interno sono poi da aggiungere, sempre per la maggioranza, le fibrillazioni interne al Pd che, sommate al nervosismo dei renziani, potrebbero anch’esse rendere puramente strumentale e retorico l’accordo siglato da Zingaretti.

Un effetto taumaturgico, su tutte queste tensioni, potrebbe averlo un’intesa su un programma forte e condiviso per attivare su obiettivi strategici i fondi straordinari, compreso quelli del MES, previsti dall’UE.

È questa l’ipotesi più praticabile perché le polemiche di oggi non diventino laceranti nei prossimi mesi.

Articoli correlati

Una politica migliore? Che sia meno remunerativa

Giuseppe Mazzei

Siria: l’epilogo. Trump non avrebbe sbagliato

Enzo Cartellino

Imprese a rischio di default, dal 1 gennaio 2021 con le nuove norme Ue si può essere segnalati per un debito di 100 euro e far scattare il marchio di cattivo pagatore. Bisogna fermare questo nuovo incubo fiscale. Noi proponiamo una tregua fiscale e in casi di poca entità un azzeramento del debito per ridare fiducia e speranza a migliaia di imprese e lavoratori onesti che hanno speso una vita per le loro attività e per il Paese

Giampiero Catone

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni