martedì, 11 Agosto, 2020
Lavoro

Occupazione. La Cna: a Maggio crescita dello 0.5 ma da metà agosto rischio di licenziamenti con effetto domino

Sponsor

Piccolo, attesissimo, aumento di posti di lavori. Un dato apprezzabile più a livello statistico che reale, in quanto l’aumento del 0.5% è riferito a maggio quando dopo chiusura generale per l’emergenza Covid, sono state riaperte a piccoli passi le attività produttive. Il problema della occupazione si farà sentire in modo pesante dalla seconda metà di agosto quando le imprese potranno tornare a licenziare. Di tutto questo con alcuni approfondimenti parla il rapporto dell’Osservatorio mercato del lavoro CNA, curato dal Centro studi della Confederazione che analizza mensilmente le tendenze dell’occupazione nell’artigianato e nelle piccole imprese.

“A maggio tornano ad aumentare i posti di lavoro nell’artigianato e nelle piccole imprese, sia pure lievemente”, scrive la Cna, “Grazie alla parziale riapertura di attività anche non indispensabili. E soprattutto grazie al perdurante blocco dei licenziamenti, per ora in vigore fino a metà agosto. Il dato finale, infatti, è frutto di cessazioni in forte calo proprio per questo divieto e di assunzioni che continuano a crollare”. Per ora difficile fare previsioni future perché il Covid che sta colpendo pesantemente in altre parti del mondo per ora ha rallentato i suoi contagi in Italia. La tendenza per l’occupazione tuttavia è orientata al pessimismo.

“Allo stato non si può prevedere che cosa succederà sul mercato del lavoro a divieto di licenziamento archiviato”, scrive il Centro Studi, “Ma pare difficile che l’occupazione possa recuperare nel breve periodo i livelli precedenti l’emergenza sanitaria”. Il dato emerge da un campione di quasi 20mila imprese associate con circa 140mila dipendenti, dal dicembre 2014.

In dettaglio, a maggio gli occupati sono aumentati dello 0,5 per cento sul mese precedente ma il calo tendenziale su base annua è rimasto quasi lo stesso del mese di aprile: -0,7 per cento contro il -0,8.
“Per il terzo mese consecutivo le assunzioni hanno sofferto una diminuzione su base annua a due cifre (-25,5 per cento) mentre le cessazioni hanno registrato un significativo -33,7 per cento, di poco inferiore al -37,2 per cento di aprile”, osserva la Confederazione nazionale degli artigiani, “Il blocco dei licenziamenti deciso dal Governo ha avuto l’effetto di congelare il processo di ricomposizione dell’occupazione dipendente, in corso da anni, che favoriva le formule più facilmente adattabili alle necessità congiunturali: i contratti di lavoro a tempo determinato e il lavoro intermittente”. Tra febbraio e maggio la quota di occupati a tempo indeterminato sul totale è rimasta infatti pressoché invariata, intorno al 57,1 per cento dopo essere precipitata a questo livello dall’80 per cento di inizio 2015. Ora il prossimo report dirà quando l’autunno sarà duro per l’occupazione e per le famiglie.

Articoli correlati

Da 2,5 mln di occupati stranieri il 9% del Pil

Redazione

Cantieri navali, l’Italia doppia la Germania. Record di contratti, ma i giovani lavoratori fuggono

Maurizio Piccinino

Cna-Edili: piano Cantieri per riqualificare l’Italia

Maurizio Piccinino

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni