lunedì, 16 Maggio, 2022
Economia

Confindustria. La vice presidente Beltrame: il Governo accetti i fondi Ue. L’Italia ha bisogno di sostegni per ripartire

“Usufruirne è un dovere”. Indicazione netta quella di Barbara Beltrame, Vice Presidente Confindustria per l’Internazionalizzazione, che sollecita il Governo e le forze politica ad accettare i fondi europei. Sostegni economici ottenuti dopo una lunga e altalenante trattativa.

Barbara Beltrame, vicepresidente di Confindustria

“Il fondo Next generation Ue è un’iniziativa di grande importanza. Tuttavia, le risorse non arriveranno subito, dovranno seguire un iter legislativo articolato, mentre le imprese hanno bisogno di liquidità immediata. Dobbiamo quindi utilizzare tutti i fondi a disposizione, a partire da quelli stanziati dall’UE per l’emergenza sanitaria”, sollecita Barbara Beltrame, in qualità di neo vicepresidente di Confindustria, con delega all’internazionalizzazione. Barbara Beltrame, Padovana classe 1979, è responsabile comunicazione e marketing di Afv Beltrame Group e vicepresidente di Confindustria Vicenza, con delega Education e Università. Nel Cda delle Fondazioni Cuoa e Università di Vicenza ed è membro del Consiglio generale di Confindustria e Federmeccanica. “Il Paese ha subito danni diretti e indiretti molto pesanti, abbiamo risorse immediatamente disponibili quindi sarebbe incomprensibile non utilizzarle. Anzi, usufruirne è un dovere”, sottolinea Barbara Beltrame, “Servono investimenti, dobbiamo puntare alla crescita perché il nostro Paese è stato investito da una crisi economica profonda che avrà delle ripercussioni sociali molto forti”.

Per la vicepresidente di Confindustria, è importante mettere a punto un programma concreto che rilanci l’Italia. “Vogliamo fare Sistema, confrontarci con il Governo e tutte le categorie per rilanciare l’Italia. Il nostro appello”, conclude la vice presidente di Confindustria, “va esattamente in questa direzione. Dobbiamo lavorare insieme per far ripartire il Paese e trasformare questa crisi in un’opportunità per crescere”.

Sponsor

Articoli correlati

Boccia (Confindustria): “Urgente che le banche attivino un fondo di garanzia verso le aziende”

Maurizio Piccinino

Cessione del credito. La Ragioneria dello Stato dice stop. Confindustria insorge. Marchesini: danno per imprese

Paolo Fruncillo

Contratti metalmeccanici. Bonomi (Confindustria): “No a scioperi, discutiamo”. Re David (Fiom): “Nostri operai tra i più poveri d’Europa”

Angelica Bianco

Lascia un commento